Ricerca in FOLBlog

Vista e Automazioni – parte 2/2

 Scritto da alle 09:00 del 13/01/2009  Aggiungi commenti
Gen 132009
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 8 anni 7 mesi 7 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.


Nell’articolo precedente ho spiegato in che modo ho utilizzato l’Utilità di Pianificazione di Vista per migliorare la gestione della cache di Firefox su RamDisk.
Una serie di commenti di 0verture sono stati di ispirazione per modificare la frequenza con cui Vista crea automaticamente i punti di ripristino, in modo molto più semplice e flessibile di quanto avessi tempo fa spiegato in un articolo.
Mi son reso conto che la nuova Utilità di Pianificazione di Vista è per me in gran parte una cosa inesplorata che racchiude enormi potenzialità.
Quel che illustro è un esempio banale ma ha il pregio di far intuire cosa è possibile fare con strumenti versatili come questi.

Vista ha già una serie di operazioni programmate che esegue o ad orari/intervalli di tempo stabiliti, o in seguito al verificarsi di eventi.
La creazione di punti di ripristino è una di queste.
Si tratta in sostanza dell’esecuzione del seguente comando:

%windir%\system32\rundll32.exe

con i seguenti parametri:

/d srrstr.dll,ExecuteScheduledSPPCreation

Essa avviene anche in altri casi, ad esempio quando un’altra applicazione lo richiede: molte applicazioni creano (o propongono la creazione) di punti di ripristino prima dell’installazione dell’applicazione stessa.
Ho voluto modificare la pianificazione della creazione di un punto di ripristino in modo che venisse eseguita sia ad orari stabiliti che ogni volta che viene eseguita un’applicazione che fa parte della suite Office.

E’ stato sufficiente aggiungere le attivazioni necessarie ed impostarle con gli orari desiderato o l’evento opportuno.

In questo modo si ottiene il risultato di forzare la creazione una copia della versione dei file ad ogni avvio della suite Office.

Conclusioni.
Immagino cosa potrebbe essere realizzabile se ogni applicazione fosse scritta in modo da registrare nel log degli eventi (magari in un suo apposito registro) gli eventi salienti (avvio, chiusura, errore, apertura file, ricezione/invio email,etc.).
Di certo non arriviamo ad Automator, ma poco ci manca….

Technorati Tag: Vista,

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: