Privacy Policy

Ricerca in FOLBlog

Apr 122008
 

logo-vista-seguridad-bubble
Finalmente, dopo un anno di Vista 32bit, mi son deciso ad installare Vista Business 64bit.
Lo stimolo decisivo è venuto dalla necessità di dotare il mio PC di 4GB di RAM per poter gestire macchine virtuali dotate di 1GB di RAM.
Ho dapprima tentato di sfruttare al massimo i 4GB con Vista 32bit, ma senza riuscirci, a causa del malfunzionamento di uno dei 4 moduli di RAM.
Perciò ho approfittato della disavventura per rompere gli indugi.
L’installazione è andata liscia come l’olio; dopo mezz’ora circa ero operativo con il nuovo sistema operativo.
Per tutti i componenti hardware e le periferica che utilizzo sono disponibili driver per Vista 64bit.
Quasi tutti i programmi che utilizzo funzionano perfettamente con il nuovo Vista.
Tranne alcuni, per i quali registro strani comportamenti.
QtTabBar, ad esempio, non intercetta l’apertura di nuove finestre di Explorer, per cui quando apro una nuova istanza di risorse del computer (ad esempio) si apre una nuova finestra anzichè una nuova scheda (nonostante l’opzione “Cattura nuovo processo di Explorer” sia selezionata).
Stesso discorso per TeraCopy che non riesce ad intercettare il comando copia.
Altri programmi, sembrano invece avere problemi ad inserire i loro comandi nel menù contestuale.
WinRAR e la libreria che utlizzavo per memorizzare il layout delle icone sul desktop sono afflitti da questo problema.

Vista 64bit sul mio PC è più veloce di Vista 32bit.
Sicuramente in virtù del fatto che sfrutta 4GB di RAM più che per i suoi 64bit.
Il fatto di avere 4GB a disposizione mi ha consentito di utilizzare un trucchetto per incrementare parecchio le prestazioni generali.
Ho destinato una parte della RAM ad un RAMdisk (ho riservato 300Mb allo scopo) e ci ho dirottato le cartelle dei file temporanei (cache Internet e Temp).
Il sistema risulta più reattivo e molto più veloce nell’avvio.
In questo caso, però, bisogna usare alcune accortezze.
Alcuni programmi che richiedono il riavvio di Windows per completare l’installazione, hanno necessità di utilizzare dei file che di solito parcheggiano proprio nella cartella dei file temporanei. Prima di installarli occorre quindi reimpostare Windows affinchè salvi i file temporanei in uan cartella su HD.
Inoltre occorre impostare alcuni software che potrebbero gestire file di grosse dimensioni, in modo che utilizzino come cartella dei file temporanei una cartella su HD.
WinRAR ad esempio consente di indicare dove parcheggiare temporaneamente i file durante la fase di decompressione.

Concludendo, a mio parere val la pena di usare Vista 64bit per poter sfruttare 4Gb di RAM (o più).
Sul web si legge che il SP1 per Vista renderà possibile l’utilizzo di 4Gb di RAM anche sulla versione 32bit.
Ma mi pare si tratti di una forzatura non priva di controindicazioni legate all’utilizzo del PAE.

Technorati Tag: Vista,64bit,4GB RAM,Ramdisk

Articoli simili:

  9 Risposte a “Vista 64bit – Impressioni iniziali ed uso intelligente della RAM”

Commenti (5) Pingbacks (4)
  1. Usando WordPress WordPress abc

    […] a contenere anche la cartella Temp dei file temporanei e la cache di Internet Explorer; in seguito ho abilitato un RAMDisk che utilizzo per questo […]

  2. Usando WordPress WordPress 2.6.3

    […] fa son passato a Vista Business 64bit, per poter avere la possibilità di installare e sfruttare un maggior quantitativo di RAM. Dai 4GB […]

  3. Usando WordPress WordPress 2.7.1

    […] Quando si ha a disposizione molta RAM installata sul computer (sul mio PC sono installati 8GB) , è possibile utilizzare questo espediente per creare degli HD virtuali in cui parcheggiare file temporanei di varia natura, ottenendo un […]

  4. Usando WordPress WordPress 3.2.1

    […] Quando si ha a disposizione molta RAM installata sul computer (sul mio PC sono installati 8GB) , è possibile utilizzare questo espediente per creare degli HD virtuali in cui parcheggiare file temporanei di varia natura, ottenendo un […]

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: