Ricerca in FOLBlog

[SdSM] Vai avanti cosi’ che vai bene

 Scritto da alle 21:01 del 01/09/2010  Aggiungi commenti
Set 012010
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 7 anni 2 mesi 20 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Avevamo lasciato il nostro eroe (io) a tenere il forte sfidando le intemperie e le ca$$ate sparate dai vari CL. Dopo "l’hackeraggio" del sito di CL (come narrato precedentemente) mi aspettavo che il CL in questione procedesse ad un bel aggiornamento di quella chiavica di CMS. Ma apparentemente cio’ che pare logico a me pare sempre poco logico a chiunque altro.

Siamo cosi’ a mercoledi’, quando Bert mi avvisa che, secondo CL, il sito di cui sopra e’ stato ri-hackerato. Alla mia domanda se hanno aggiornato il CMS ottengo risposta negativa. Alla domanda successiva, se hanno cioe’ quantomeno cambiato la password, ri-ottengo la suddetta risposta.

Vabbe’, e’ di CL che parliamo qui he. Procedo pertanto al ri-restore e mi metto in attesa del successivo problema, che si presenta nel giro di dieci minuti nella forma di P.

P – Che e’ successo adesso al sito di CL?
IO – La stessa cosa che gli era successa prima suppongo. Finche’ non cambiano le password e magari mettono a posto quella chiavica di CMS, dubito che si possa fare qualche altra cosa.
P – E non possiamo fare qualche cosa?
IO – Spegnere il server per esempio? Perche’ dubito che accendere il cervello di CL sia una cosa fattibile.
P – No, intendevo… aggiornare il server.
IO – Noi non facciamo la manutenzione del loro CMS, per altro, loro lo hanno pagato quel coso, quindi sono affari loro di che versione vogliono usare.

La "discussione" si protrae per un po’. Apparentemente P e’ il tipo che, quando un CL si lamenta, deve ottenere soddisfazione, non ha importanza se cio’ di cui il CL in questione si lamenta e’ completamente un problema causato dal CL medesimo.

Un po’ piu’ tardi si presenta DaBoss.

DB – Allora, ho finalmente ricevuto risposta da $produttorediauto.
IO – Aspettavamo una risposta?
DB – Si’, per il loro progetto Web…
IO – Il "progetto web"?
DB – Si’… ci hai presente quella cosa di cui ti dissi un 2 o 3 mesi fa? Che volevano rifare tutto il loro server web passando ad una soluzione con due server web in cluster piu’ database dedicato e blah blah blah yada yada yada

mettete qui un quarto d’ora di babbilamme riguardo ad un progetto di cui io non mi ricordo un tubazzo di niente.

IO – Hemmm… vabbe’, facciamo finta che mi ricordo va’. Comunque, hai avuto la risposta e…?
DB – Ah, si’. Ho avuto la risposta e… non se ne fa’ niente.
IO – Come sarebbe a dire non se ne fa’ niente?
DB – Si’ perche’ $produttorediauto sta’ andando in fallimento, blah blah blah, contenimento dei costi, yada yada yada, riduzione degli investimenti, blah blah blah, dirottamento dei liquidi, yada yada yada, riciclaggio dei solidi…

mettete qui un altro quarto d’ora di babbilamme.

IO – Hemmm… Ok… quindi?
DB – Niente, solo per avvisarti.

DaBoss se ne diparte per altri lidi e la giornata scorre tranquilla fino alle 4 del pomeriggio. Quando un controllino ai grafici del load-balancer che controlla quel mastodonte del mailscan mi dice che uno dei due cluster e’ a palla.

Tempo addietro, per ridurre il carico quando di server di ingresso ne avevamo di meno, avevamo messo un limite al numero di connessioni contemporanee sul load balancer di 1000 connessioni per server. Il che significa diecimila connessioni contemporanee. Che secondo me dovrebbero essere piu’ che sufficienti, ma ogni tanto ci arriva un qualche botto di mail ed io vedo il grafico andare su e poi raggiungere il massimo. Di solito non ci rimane molto a lungo, ma qualche volta permane per qualche giorno.

Ci tengo a precisare che queste sono connessioni che, nel 99% dei casi, vengono poi ignorate o rifiutate lo stesso, ma il risultato e’ che il sistema di monitoring manda uno strillo. Strillo che viene catturato immediatamente dalla solita palla-al-piede di P, il quale arriva subito a rompere i marroni.

P – Che cosa succede?
IO – Niente. E’ tutto normale.
P – Come sarebbe a dire e’ normale? Io ricevo degli allarmi!
IO – Ci sarebbe da domandare perche’ tu ricevi gli allarmi, comunque, in questo caso, l’allarme e’ ingiustificato e potrebbe essere ignorato.
P – Ma le connessioni vengono rigettate!
IO – Verrebbero rigettate in ogni caso.
P – I clienti non possono mandare la posta!
IO – I clienti non mandano la posta attraverso il nostro sistema, semmai la ricevono, e comunque ho appena verificato e la posta passa ugualmente, d’altra parte io mi aspetto che il load balancer sia sufficientemente furbo da droppare le connessioni che arrivano dallo stesso IP, il che significa Cina, Korea, Jugoslavia o sarca$$o.
P – E quindi cosa intendi fare?
IO – Niente. Non intendo fare niente perche’, che tu ci creda o no, non sta’ succedendo niente di eccezionale. Se il grafico ti disturba non guardarlo.

Ovviamente, a P non e’ piaciuta la risposta. Con il risultato che mezz’ora dopo DaBoss e’ stato richiamato da un P sull’orlo del collasso.

DB – E quindi?
IO – Come ho gia’ spiegato, non c’e’ niente di anormale. Il sistema e’ progettato per funzionare in questo modo. Al massimo si puo’ verificare un lieve rallentamento nella ricezione della posta. Questione di minuti.
DB – Minuti??!!??
IO – Come gia’ spiegato numerose volte, la posta elettronica non e’ mai stata pensata per essere istantanea.
DB – Comunque, cosa possiamo fare per risolvere il problema?
IO – Non c’e’ nessun problema. Non sta’ succedendo niente di anormale.
DB – Ma P dice che i clienti non ricevono posta.
IO – P dice delle stronzate e tu non dovresti dargli retta.
DB – Ma una soluzione?
IO – ‘Scolta… Punto primo: non puoi sperare di vincere ad un confronto di forza bruta su Internet. Tu puoi mettere qui dentro 100 server, ma la’ fuori ce ne sono miliardi. Punto secondo: anche se noi non avessimo nessun limite di connessione le connessioni sarebber sempre rigettate dal server subito dietro al load balancer. In questo momento il load balancer sta’ risparmiando del lavoro al server. Punto terzo: questo e’ esattamente come il sistema e’ progettato! Non c’e’ niente di anormale. Ignora P ed i suoi allarmi!

Non c’e’ bisogno di dire che dieci minuti dopo stavamo aumentando il limite a 5000 connessioni contemporanee per azzittire il foxxuto monitoring no eh?

Davide

legenda personaggi

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: