Ricerca in FOLBlog

[SdSM] Return Of The Sysadmin

 Scritto da alle 00:15 del 15/08/2008  Aggiungi commenti
Ago 152008
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 9 anni 1 mese 9 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Ad ognuno il suo lavoro

02/06/2008

Risiamo a parlare del bellissimo server di CL, di cui ho gia’ detto nelle due storie precedenti. Nel caso in cui non abbiate voglia di andare a rileggervele, uno dei nostri CL ha deciso che voleva giocare a fare il sysadmin, nonostante i nostri moniti e nel giro di 2 giorni secchi e’ riuscito a spianare tutto il server, situazione da cui e’ stato salvato in extremis (letteralmente) dal nostro backup, non contento, CL si e’ lanciato in un’orgia di sysadminning riuscendo a chiudersi (e chiuderci) fuori dal server in modo perfetto.

Il di lui capo aveva deciso di fargli risolvere il problema a lui, ma dopo un paio di giorni di attesa la palla e’ ritornata dalla nostra parte, o almeno cosi’ sembra.

Ok, basta con i preamboli…

E’ un bel lunedi’ mattina ed io sto cercando di capire che accidenti vuole dire l’ultima mail dell’astinenza tecnica del software di cui ho parlato precedentemente, quando mi suona il cellofono. Rispondo, ed e’ DaBoss.

IO – Ma tu non dovevi andare ad Utrecht per fare qualche cosa oggi?
DB – Io sto andando ad Utrecht, ma mi ha appena chiamato UL, il capo di CL, te lo ricordi vero?
IO – Eccomeno
DB – Allora, mi e’ venuto in mente che quei due server su cui stai lavorando per quel sistema di autenticazione si potrebbero mettere alla colo, ed allo stesso tempo potresti andare la e guardare un attimo quel server se si riesce a farlo ripartire.
IO – Io non ho accesso (ancora) alla colo..
DB – MAROONNCHEEEEEAIUUUUTTTTIPIGLIASSEN’ACCIDEEENT…
IO – ??? tutto bene?
DB – Si’, un idiota mi taglia la strada e per poco mi fa schiantare…
IO – Dicevo, non ho ancora accesso alla colo, pensavo voleste finire il “periodo di prova” prima di richiedere accesso.
DB – Me ne frega assai del periodo di prova, secondo me lo hai gia’ passato e se non lo hai passato lo hai passato. Vai da Wendy (la nostra segretaria – nda) e fatti dare il modulo di richiesta, poi parla con Bart (il collega che si occupa di queste cose – nda) e andate la a vedere.
IO – Ok, altro?
DB – In questo momento non mi viene in mente altro, se ci sono problemi dai un colpo di telefono ad ULAYEEEEODDIOCAZZEEEEE

Riattacca prima che io senta se si salva oppure no. Dopo aver firmato le carte di rito, visto quali server dobbiamo installare, saltiamo sulla Bart-Mobile e procediamo alla volta della co-lo.

Una volta installati i server nel nostro rack, che secondo me comincia ad essere un po’ pienotto, andiamo verso il “canile” e diamo un’occhiata a questo server. Allura, non e’ possibile fare login da console, dopo il nome utente semplicemente non si ottiene nessuna risposta.

IO – (rivolto a Bart) Secondo te lo possiamo riavviare?
Bart- Mah, non saprei… (schiaccia il pulsante di reset) Oooopss, sono scivolato.
IO – …avvisa la prossima volta…

Il server si riavvia e Grub si inchioda bellamente. O bene, non si riavvia nemmeno piu’. Che bello. Estraggo il cd di rescue e facciamo il boot da quello, Il rescue mi informa garrulo che “non trova nessuna installazione di Linux” e mi sbatte in una shell. Il disco fisso ha due partizioni, la prima dovrebbe essere quella di boot, la monto … ed e’ vuota. Completamente, totalmente, inesorabilmente VUOTA! Nessuna sorpresa se la macchina non si riavvia piu’.

La seconda partizione e’ in LVM. Ora, qui si potrebbe aprire una grossa parentesi sulla logica di avere un LVM su UNA partizione ed UN disco, ma non ci ho voglia in questo momento. Comunque, monto la partizione e la guardo, ed e’ la prtizione di / del sistema. Noto alcune cose, per prima cosa spiccano per la loro assenza /bin ed /etc, ma tutto il resto sembra essere ancora li.

A questo punto mi viene un dubbio e mi faccio un bel cat root/.bash_history ed eccolo li’, bello come il sole, proprio l’ultimo comando.

rm -rf /*
comando suicida
IO - Ok, eccolo li' il problema.Bart - Wat een sukkel...
(trad: che idiota). Quanto e' durato dal momento che hanno
avuto la password di root?
3 giorni?IO - Si, piu' o meno.

A questo punto abbiamo spento tutto, tirato giu’ la macchina e portata in ufficio per una re-installazione completa. Non c’e’ bisogno di dire che stavolta CL non e’ autorizzato a collegarsi. In effetti non e’ autorizzato a meno di 10 metri da un terminale… UL ha deciso che (con le sue parole) “e’ meglio che i SysAdmin facciano i SysAdmin”.

DaBoss, che e’ sopravvissuto al suo viaggio ed e’ arrivato alla sera, ha commentato con le stesse parole di Bart.

Davide

legenda personaggi

[ratings]

Technorati Tags: Storie dalla Sala Macchine,humor

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: