Ricerca in FOLBlog

[SdSM] Io lo so che tu non lo sai

 Scritto da alle 13:34 del 07/06/2011  Aggiungi commenti
Giu 072011
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 6 anni 5 mesi 17 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Forum....

Dalla Enciclopedia Galattica (versione 1 edizione 2321) –
Tra la fine del secondo e l’inizio del terzo millennio una serie di nuovi linguaggi di programmazione vennero introdotti nel gia’ costipato mercato delle applicazioni basate sul Web. Uno di questi linguaggi era denominato "PHP". La sua semplicita’, flessibilita’, il costo nullo ed il supporto multipiattaforma ne favorirono la diffusione a macchia d’olio. Purtroppo la prima di queste caratteristiche (semplicita’) fece si’ che i primi ad usarne ed abusarne fossero i programmatori piu’ nuovi nel mercato e piu’ inesperti. Il risultato fu che un grandissimo numero di applicazioni con enormi problemi di sicurezza vennero prodotte e distribuite in brevissimo tempo. In breve ‘PHP’ divenne sinonimo di ‘programma bacato e da evitare’ esattamente come ‘Windows’ era sinonimo di ‘divoratore di risorse’.

Non so se si e’ capito, ma si riparla di PHProgrammatroti.

Alura, avevo accennato vagamente in questa storia al "nuovo" sito di CL2 e della di lui ditta ed al fatto che tale coso avesse, da qualche parte, un forum che doveva essere trasferito. Dopo un po’ di bestemmie ed una serie di telefonate tra me ed $isp sono riuscito ad ottenere il dump del database di questo coso ed a convincere CL2 che se vuole usarlo dovra’ pagarsi la licenza di vBullettin.

Purtroppo pero’, dopo l’installazione ci siamo resi conto che la versione installata sul server di $isp e’ almeno 8 sottoversioni piu’ vecchia di quella che CL2 ha acquistato. Ok, si aggiorna il database. Purtroppo pero’ la procedura di "upgrade" persiste nell’incatastarsi.

Dopo essermi copiato tutto l’ambaradan (forum e database) sul mio lapdog ed averci smadonnato sopra tutto il giorno riesco, finalmente, a produrre qualche cosa che pare funzionicchiare. Ributto il tutto sul server di CL2 e gli dico di provarselo.

Ventiquattro ore dopo mi segnala che i dati paiono esserci, ma il forum funziona a meta’. Un controllo mi dice che il ‘forum’ sul sito vecchio era stato probabilmente pesantemente modificato con l’aggiunta di ‘stili’, javascript, templates e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.

CL2 – Ma chi lo ha modificato?
IO – ??? A me me lo domandi? Il forum era il vostro, se non lo avate modificato voi lo avrete fatto modificare da qualcuno per voi, lo dovreste sapere voi!
CL2 – E non si possono rimuovere le modifiche?
IO – Tutto si puo’ fare. Ma io non sono un web-programmatroto, sono un sysadmin, quindi se lo vuoi modificare vai a cercare un web-programmatroto.

Dopo un paio di giorni mi arriva l’informazione che l’ennesimo PhProgrammatroto (CL per gli amici) e’ stato incaricato di "verificare le modifiche" e fare altre cose. Immediatamente questo mi domanda se puo’ installare il suo editor del cuore ed avere accesso con RemoteDesktop sul server. Io gli rispondo che il server e’ condiviso ed e’ Linux, quindi il remote desktop ed il suo editor del cuore se li puo’ scordare. Invece gli invio un bello zippone contenente il codice del forum ad il corrispondente database suggerendogli di installarseli in locale e vedere li’.

Passano i giorni e non torna il prode Anselmo. Dopo una settimana circa CL2 domanda (a me) come vanno le cose. Io gli faccio notare che e’ lui che paga CL ed e’ lui che lo ha scelto, quindi dovrebbe essere LUI a controllarselo e non aspettarsi che qualcun altro gli tolga le castagne dal fuoco. Comunque, dopo un altro paio di giorni, pare evidente che CL non e’ capace di cavare un ragno dal buco, altro che castagne dal fuoco, quindi CL2 mi domanda se non e’ possibile sostituire completamente il forum con un altro. Io ripeto che tutto e’ possibile.

Dopo una rapida ricerca scovo un ennesimo forum con una funzioncina di "importazione" dati da vBullettin, di nuovo, mi installo tutto in locale e provo a fare questa importazione. Parte funzionare. Riporto il tutto sul server di CL2 "in parallelo" al forum vecchio e gli dico di darci un’occhiata. CL2 salta di gioia scodinzolando a piu’ non posso e decide di andare con il forum nuovo ed abbandonare il vecchio al suo destino. Ma apparentemente CL2 ancora non ha finito con CL.

Un paio di giorni dopo mi arriva una mail da CL2 che dice che "CL ha qualche problema con una applicazione che sta’ scrivendo per loro che dovrebbe inviare delle e-mail ma che queste e-mail non sono ricevute". Ora, essendo CL un PHProgrammatroto io capisco subito che aggiungere mail all’equazione e’ come versare nitroglicerina su una cassa di tritolo.

Comunque, riesco a farmi dare i dettagli di cosa questo idiota dovrebbe fare: inviare una mail con lo stesso indirizzo from del ricevente (che tutti sappiamo che e’ una ottima cosa da fare se vuoi che la tua mail sia immediatamente cestinata come SPAM) a qualcuno. Ma CL si lamenta che la sua mail non viene inviata. Io ravano nel log del server e scovo questo frammento di balbuzie:

Jan 17 04:49:23 XXXX sm-mta[22037]: o0EEPAqF012492: to=<To:cl@dittadicl.nlCC:cl2@dittadicl.nlcl3@dittadicl.nlBCC:qualcuno@dittadicl.nl>, ctladdr=<apache@serverdicl.nl> (80/80), delay=2+13:24:13, xdelay=00:00:00, mailer=esmtp, pri=4531261, stat=Bounced: domain dittadiclcl2.nlCC does not exist

Ah bello! Per forza che non riesce ad inviare la posta. Questo coglione fa’ un bel mix di ‘To’, ‘CC’, ‘BCC’ e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Preparo una bella maillina che spiega il motivo e me ne disinteresso… per circa 20 minuti quando CL (con accompagnamento di CL2 in sottofondo) mi telefona per lamentare che "il problema e’ che il server invia la mail con indirizzo di from come ‘apache@serverdicl’ e questo viene rifiutato….

No maledetto imbecille! Il problema e’ che te non sei capace di programmare, ed io lo so che tu non sei capace di programmare, ma quel povero idiota che ti paga lo sa? Evidentemente no, altrimenti non ti pagherebbe. Comunque, mantenendo la mia calma glaciale gli spiego che l’indirizzo di from e’ quello che lui decide di usare, se non ne specifica nessuno il server usera’ quello di default (nome utente @ FQDN del server) e che quell’indirizzo e’ perfettamente regolare e che se lui provasse a mandare una mail con l’indirizzo GIUSTO magare gli arriverebbe qualche cosa.

Adesso aspetto che mi chiedano se non si puo’ cambiare l’indirizzo di default in qualche cosa di altro. Maledetti phprogrammatroti.

Davide

legenda personaggi

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: