Ricerca in FOLBlog

[SdSM] Incubi ad occhi aperti (parte terza)

 Scritto da alle 09:06 del 13/01/2010  Aggiungi commenti
Gen 132010
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 7 anni 8 mesi 13 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

(continua dalla parte precedente)

…dov’e’ che ero rimasto? Ah si’. Quindi dopo un buon sei mesi circa passati a fare tutto meno che correzioni sul mio programma (che era quello che avrei dovuto fare), sono a consulta con DaBoss per il da farsi nel futuro.

DB – …quindi per il momento tu dai una mano alla tua collega e se CL dice qualche cosa mettilo per iscritto e poi vediamo il da farsi. Se non sono oggettivamente vere correzioni ovviamente.
IO – Scusa la domanda scema, ma perche’ accidenti diamo corda a quel coglione di CL?
DB – Perche’ ci pagano.

E che vuoi dirgli a quel punto? Quindi io continuo a girare le stesse 3/4 versioni del mio programma (sempre le stesse) in risposta agli "errori" di CL (sempre gli stessi) e sostanzialmente a scaldare la sedia.

<intermezzo>
$formaggini era (non so se lo e’ ancora) fondamentalmente un IBM-shop, che non e’ che la cosa fosse poi tanto anormale a quell’epoca.

Tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 le cose o erano IBM o non erano. Erano gli anni in cui le societa’ si staccavano dalla dipendenza dai mainframes e micro-computers per spostarsi sempre di piu’ verso reti di PC, attratte dai costi minori (veri o presunti).

In quell’epoca si avevano tre scelte fondamentalmente: tenersi su IBM, il che voleva dire AS/400, PS/2 e TokenRing, fare il salto della quaglia e portarsi sui cloni, di cui ce ne erano migliaia e c’era solo l’imbarazzo della scelta, con Novell o Lantastic o simile per attaccarli insieme, e questo significava sostanzialmente Ethernet, oppure fare il balzo gigantesco ed andare verso Apple.

Il "balzo" era reso sostanzialmente impossibile, dal punto di vista manageriale, per via dei costi altissimi dell’hardware e del software. Mentre i programmatori DOS venivano via un soldo alla dozzina, fondamentalmente nessuno programmava per Apple. Almeno, IO non ho mai trovato un programmatore Apple.

E voi, se avete meno di una quarantina d’anni, probabilmente state pensando: "e Microsoft?".

Microsoft cominciava appena appena a mettere fuori la testolina, Windows era alla versione 2.0 e le prime copie di 3.0 cominciavano a circolare. D’altra parte all’epoca, se non volevi finire seppellito da citazioni e contro-citazioni firmate da Apple conveniva stare calmi e cercare di passare inosservati. Cosa che aziende come Digital Research non fecero, e Digital ne pago’ il prezzo quando mise in circolazione GEM. Apple trascino’ Digital in tribunale ed il blocco di piu’ di un anno allo sviluppo del prodotto ne decreto’ la morte.

Nel caso di $formaggini la scelta era piu’ o meno obbligata. Dai micro e mainframe di IBM si passava verso AS/400 e PS/2 con Token Ring. Ed il bios delle schede di rete andava in conflitto con il bios del pc una volta su due, costringendo ad almeno 3 reboot consecutivi prima che qualche cosa funzionasse.

Anche $ditta comunque era nel mezzo del cammino. Il 60% dell’attivita’ in quegli anni era costituita dall’interfacciamento tra micro/mainframes ed AS/400 e reti di PC. Il resto era sviluppo di applicazioni ad-hoc su base DOS, installazione e gestione di reti Ethernet/Novell. E DaBoss era li’ che pensava se restare con IBM o abbandonare "big blue" ed andare con il vento del nuovo e vendersi anima e corpo a Microsoft.
</intermezzo>

Siamo di nuovo a consulta con SL per vedere di tirare le somme.

DB – …quindi dopo sei mesi e girando sempre le stesse 3 versioni o vi decidete e ne approvate una o dobbiamo procedere con una nuova offerta, ma questa volta l’accettazione dell’analisi significa che accettate anche l’interfaccia.
SL – (sempre dividendo la propria attenzione tra il monitor e noi) Ma la nostra procedura standard… (pausa per controllare la posta) …prevede che l’accettazione venga fatta dopo un periodo di prova pratica e non posso… (pausa per controllare la posta) …cambiare lo standard altrimenti…
DB – Si’ ho capito, ma questo sta raggiungendo livelli ridicoli! E comunque, quanto accidenti volete andare avanti con il sistema vecchio? Piu’ tempo ci perdete sopra piu’ complicato diventa il cambiarlo.
SL – Ah, be’, ma per quello… (pausa per controllare la posta) …tanto stiamo gia’ pensando di passare al nuovo sistema…
DB – Quale nuovo sistema?
SL – Ma quello nuovissimo con il mouse… (pausa per controllare la posta) …la grafica…
DB – Windows?
SL – Macche’ Windows… quella e’ una cazzata che non andra’ da nessuna parte. No, io sto’ parlando del nuovo sistema (pausa per controllare la posta) OS/2!

La cosa avrebbe potuto arrivare come uno shock, ma non piu’ di tanto. Comunque, poco tempo dopo, dopo un periodo di lavoro presso un’altro cliente, ho avuto sentore che vi era stata una certa riorganizzazione presso $formaggini ed il processo di "accettazione" (aka: "nonono, e’ colpa tua") doveva riprendere. Nello stesso periodo, dato che $ditta aveva diversi programmatori distaccati la’, e che l’attitudine generale cominciava con l’influenzare seriamente il rendimento, un "responsabile" era stato distaccato per sovraintendere le operazioni. Questo tipo era soprannominato "one". "One" all’italiana eh, non "uan" all’inglese. Perche’ era… hemmm… "one"… cioe’ grosso. Il tipo, dopo aver passato un paio di giorni la’, torno’ in ufficio e domando espressamente a DB l’autorizzazione di menare gli utenti. Autorizzazione che fu, tristemente, negata.

Onde per cui cio’, mi dirigo alla volta di $formaggini. Quel giorno, forse perche’ dovevo andare da $formaggini, forse per altri motivi, ero piuttosto sull’incazzato andante, e proprio l’ultima cosa che volevo era un tete-a-tete con CL. Comunque, arrivo e la prima cosa che mi becco sono gli ascensori. Quegli aborti di elettro-idraulica mi erano sempre stati sui marroni. Prima di tutto, erano lenti da far paura, secondo, tendevano a chiuderti in mezzo alle porte ed a differenza degli altri ascensori, che quando la porta tocca qualche cosa si ritrae, questi figli di un terminator in erba tendevano a darti delle botte.

Io faccio per entrare, ed il figlio di un ingranaggio arrugginito cerca di chiudermi in mezzo, come al solito. Solo che stavolta ho reagito alla Incredibile Hulk. Risultato: l’ascensore si e’ ritrovato con entrambe le porte fuori dai loro "binari" ed io mi sono fatto 5 piani di scale a piedi. Ne valeva la pena comunque.

Giunto al quinto piano vedo che l’intero posto e’ stato riorganizzato e tutte le ‘divisioni’ fatte con cartone e scotch sono state rimosse. Noto anche che il "mio" pc e’ sparito. Acchiappo al volo CL.

IO – Dove e’ finito il computer che usavo io?
CL – Ah, sei arrivato, allora possiamo…
IO – DOVE E’ FINITO?
CL – Ah, penso sia stato riassegnato…
IO – Oh che bello. Voi lo sapete vero che l’unica copia aggiornata del programma stava su quel computer vero?
CL – Ma il backup del sistema…
IO – L’ho messo bene in chiaro e per iscritto l’ultima volta che sono stato qui. Ed il tuo capo ha pure firmato il foglio. Quindi se ve lo siete persi, l’unica e’ ricominciare da capo. E questo non e’ correggere errori.

Detto questo, me ne sono andato e non ci sono piu’ tornato.

Effetto dissolvenza wibblidi-wobblidi

Poco tempo dopo, DaBoss ha deciso che Windows era la scelta giusta ed ha iniziato a proporre sviluppo su Windows ed installazione di reti Windows (NT) invece di Novell. In seguito sono finito "distaccato" presso $succhiasangue, dalle quali sgrinfie sono uscito solo con una lettera di dimissioni nella tasca anteriore ed un nuovo contratto con un’altra societa’ nella tasca di dietro.

Che cosa ho imparato dall’esperienza di $formaggini? Che "perche’ ci pagano" non e’ mai una ragione valida.

Il grosso problema di quel posto (e della loro procedura di "accettazione") era che SL ed il resto del "management" avevano abbastanza autorita’ da starnutire se proprio non potevano farne a meno e, se qualcuno gli controfirmava un ordine apposito, soffiarsi il naso. Ma chi veramente comandava erano i signori magazzinieri, quelli che scambiavano il Grana con il grano. Quelli che semplicemente decidevano cosa volevano e cosa non volevano. E dato che loro portavano i soldi, il loro volere era legge assoluta.

Certo, una figura "ducesca" avrebbe potuto emergere dal marasma ed applicare un certo metodo alle cose, far capire che i magazzinieri si possono sostituire se necessario e che una procedura piu’ efficiente che non richiede infinite iterazioni che non portano a nulla e’ meglio di una procedura che da’ all’utente finale l’assoluto controllo della situazione. Ma dubito che in una realta’ come quella avrebbe funzionato.

Bene, questo conclude la faccenda. Come dite? Cos’e’ sta’ storia di $succhiasangue? Eh… quella e’ un’altra storia.

Davide

legenda personaggi

Technorati Tags: Storie dalla Sala Macchine,humor

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: