Ricerca in FOLBlog

[SdSM] Il CRM Che Passione…

 Scritto da alle 00:15 del 14/01/2009  Aggiungi commenti
Gen 142009
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 8 anni 10 mesi 5 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

CRM

E’ il primo Lunedì di Settembre, e già si vede: piove a dirotto, il traffico è ennuplicato e gli olandesi (freschi freschi di ritorno dalle vacanze) guidano peggio del solito. Riesco, comunque, a raggiungere l’ufficio e noto con una certa preoccupazione un gruppo di salopettati con un Bobcat presso l’ingresso del nostro parcheggio.

Evidentemente loro notano me, perché non appena entrato e messo giù la moto i bastardi hanno scavato una trincea proprio davanti all’ingresso del parcheggio, sostanzialmente chiudendomi dentro… grrr…

Vabbe’, salgo in ufficio e mi predispongo alla giornata. E’ a quel punto che mi suona il cellofono.

DB – Ciao, son DB. Come vanno le cose?
IO – Non male… ma non sei in ferie?
DB – Infatti, sono appena arrivato in Canada, una figata pazzesca, vai a farci un giro.
IO – Si adesso salto in moto e arrivo…
DB – No, seriamente, facci sopra un pensierino.
IO – (pensando: schifoso bastardo…) Si, mo me lo segno…
DB – Comunque ti ho chiamato anche per altro, ascolta, venerdì sera mi ero messo a guardare il CRM, tu ti ricordi del $fantasticocrm vero?

Considerando che il foxxuto CRM è stato l’oggetto di non uno, non due ma bensì TRE meeting aziendali, come potrei dimenticarmelo?

IO – Si che me lo ricordo, che problema c’è?
DB – Allora, noi abbiamo un server virtuale dove c’è installato sopra, io voglio che tu lo aggiorni alla nuova versione, lo colleghi al nostro server LDAP per l’autenticazione e poi ho visto che c’è questo e quel plugin e questo e quel modulo aggiuntivo e questa e quella ca$$ata e poi c’è anche questo meraviglioso plugin per Thunderbird così si può integrare con la posta elettronica e poi…
IO – Ohe’, ferma il treno… la nuova versione è una beta! Sicuro che la vuoi installare?
DB – Si si. Tu vai ed aggiorna e poi fammi sapere come funziona.

Ok, questo mi prenderà come minimo l’intera settimana, mi metto perciò a guardare questa ennesima fetenzia. Un tempo, tutte o quasi tutte le fetenzia erano sviluppate in VBscript per IIS, quindi bastava guardare su cosa girava un sistema per identificare una fetenzia, adesso quasi tutti si sono riciclati e scrivono le stesse fetenzie ma in PHP, ci sono alcuni prodotti che non sono fetenzia, il che significa che identificare le fetenzie è un po’ più difficile.

Allora, ennesima fetenzia PHP che promette e millanta prestazioni soprannaturali e funzionalità iperultragalattiche. Io forse sarò “vecchia scuola”, ma per me sti arnesi sono sempre delle agende ipertrofiche e ultracomplicate. Ok, forse l’idea di poter aggiungere infiniti “collegamenti” ed annotazioni ad un cliente (o speranzoso tale) potrebbe essere utile, ma più tempo si perde a digitare roba su un computer e meno tempo si utilizza a parlare col suddetto cliente e magari quello che il famoso cliente vuole è proprio una bella telefonatina per sapere come vanno (o non vanno) le cose. Vabbe’. Cominciamo a vedere come si fa l’aggiornamento di questo coso.

Dopo una bella lettura alla documentazione, dove c’è chiaramente scritto che la nuova versione è BETA e non dovrebbe essere usata in produzione, mi faccio un bel backup dell’intero coso e poi procedo all’aggiornamento. Che macina per circa un quarto d’ora, dopo di che vedo come si installano questi “moduli”. Ok, c’è una maschera di amministrazione… solo che vuole una fantomatica password di amministrazione che io non ho. Scardina il database e cambia la password, ok, adesso si tratta di fare l’upload del modulo e poi fare l’installazione. E mi becco un bell’errore. A quanto pare questo coso cerca di scrivere in una directory in cui non ha i diritti. Ed il motivo per cui cerca di scrivere in quella directory è perché compone male il nome della directory e quindi finisce col cercare di creare una directory in root, ed ovviamente non ha i diritti per farlo. Ok, è il momento di mettersi il cappellino da Baboon Debugger e tuffarsi a pesce nel codice di questa chiavica. Dopo una bella (si fa per dire) litigata con il codice (io quelli che usano il termine “framework” come se fosse acqua li ammazzerei tutti) scopro che il problema è in un bel bug: al posto di scrivere strTempDirectoryForUnzipAndPreDeploy c’è scritto strTmpDirectoryForUnzipAndPreDeploy. Roba che se il babbuino che ha scritto st’affare avesse pensato meno a nomi esoterici e di più al testing se ne sarebbero accorti. Il che mi fa pensare a come fanno i test, probabilmente facendo girare il web server con privilegi di root.

E sono le sei di sera ed è ora di andare a casa, e noto che i salopettati maledetti non hanno ancora chiuso la voragine, ma se non altro hanno pensato di mettere giù un paio di tavole di legno. Quindi mi faccio il passaggio sulla tavola con la moto. Il mattino dopo riprendo in mano l’arnese.

Ok, correggi, aggiungi i vari moduli e noto con piacere sadico che l’intero accrocchio si incarta che è una bellezza. Altro giro di debugging. E scopro che il motivo dell’incrocchiamento è che una query aggiunta da uno di questi moduli ha lo stesso nome di una query già esistente, sovrascrivendola, solo che la query precedente era select campo,campo,campo from Tabella mentre la query nuova è select Campo,Campo,Campo from tabella. Ebbene si, MySQL è case-sensitive su Linux. Il che mi fa pensare che forse il motivo per cui al babbuino di cui sopra funziona è perché lo usa su Windows come ‘System’.

Ri-correggi la cosa e riprova. Ok, adesso se non altro non si incarta più. E’ il momento di vedere cosa è questo “plugin per Thunderbird”. Ma dato che sono aridinuovo le sei di sera mi sa che lo guardo domani.

Mercoledì, i salopettati hanno praticamente demolito il cancello d’ingresso al parcheggio, per cui parcheggio la moto sul marciapiede davanti all’ingresso, domando alla tipa alla reception quanto accidenti ci vorrà per riavere il parcheggio (non lo sa) e riprendo in mano il coso.

Il “plugin” è sviluppato da una ditta esterna a quelli che fanno in effetti il CRM. Tale ditta ha un nome molto evocativo… Ma il loro sito internet è una pagina vuota (no, non bianca, vuota) ed il loro server di posta non vuole ricevere posta per il loro dominio… Qui gatta ci cova.

Installo il plugin, provo e scopro che il plugin si rifiuta di funzionare con questa versione del CRM. A questo punto, dopo una rapida lettura dell’howto “come diventare un guru dei plugin thunderbird, fare un sacco di soldi e vivere felici” mi metto a guardare anche questo coso. E scopro subito che c’è un semplice controllo di versione. Dopo un controllo so cosa è cambiato dalla versione vecchia a quella nuova di sto coso (niente), cambio il controllo in modo da accettare anche questa versione e sbatto il naso contro il problema successivo.

Il coso non vuole autenticarsi contro il CRM. Altra vorticosa ricerca e scopro che per autenticarsi usando LDAP è necessario dare una serie diversa di parametri per l’autenticazione, in particolare la password deve essere impostata a ‘password’ mentre la vera password deve essere scritta da un’altra parte. Ah, non devo dire che nel CRM stesso i parametri di collegamento LDAP erano indicati alla rovescia (del tipo che dove lui suggeriva di scrivere ‘dn’ ci andava ‘uid’ e dove lui diceva ‘uid’ ci andava ‘dn’) no eh? Altro giro di bestemmie e maledizioni inviate in direzione dei programmatori di sta cosa e poi finalmente riesco ad autenticarmi. Il problema è che cercare di “archiviare” le mail da TB su questo coso provoca un miserrimo messaggio “cannot archive mail”, senza ulteriori informazioni. E ri-sono le 6 di sera.

Il mattino dopo noto con piacere che i salopettati si sono spostati a rompere il palazzo vicino, tanto per non saper ne’ leggere ne’ scrivere io ri-parcheggio davanti alla reception, giunto in ufficio procedo ad un nuovo giro di debugging. E scopro che perché le mail possano essere ‘archiviate’, l’utente dovrebbe avere il permesso di gestire le mail. Il che potrebbe sembrare logico, ma allora perché’ un plugin per un client di posta non controlla per prima cosa se l’utente può usare la posta con il server? (voglio dire, non è che ci puoi fare altro con il plugin di TB oltre ad archiviare la posta no?) Inoltre, da quello che vedo, io ho i permessi giusti. Quindi perché’ non funzica? E scopro l’ennesimo bug nel codice: se l’utente appartiene a due (o più) gruppi, solo i privilegi dell’ultimo gruppo assegnato sono tenuti in considerazione. Rimuovi tutti i gruppi meno uno e funziona.

A sera, scopro che i salopettati sono ritornati per un ultimo giro di scassamarciapiedi, ed hanno ri-chiuso tutti nel parcheggio, assisto alla scenetta di un tizio suv-dotato che minaccia di acciaccarli tutti e poi vado a riprendermi la mia moto e me ne vado a casa.

E’ Venerdì! Ed io sono occupato a scrivere una mega-mail a DB con i risultati della settimana. Nel frattempo ho inviato 8 ‘errata’ e 10 ‘bug fixes’ ai sedicenti sviluppatori di questo coso, di botto ricevo mail da gente che non ho mai visto ne’ conosciuto perché li aiuti a far funzionare i loro moduli ed improvvisamente sono diventato il “guru” di questo arnese… e c’è una mail di DB qui che mi dice che il mese prossimo c’è un grande show a Londra organizzato da una ditta che fornisce supporto tecnico su questo coso e se mi interesserebbe andarci… osantapollonia…

Davide

legenda personaggi

Technorati Tags: Storie dalla Sala Macchine,humor

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: