Ricerca in FOLBlog

[SdSM] Chiamami… Anzi no

 Scritto da alle 05:05 del 06/04/2011  Aggiungi commenti
Apr 062011
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 6 anni 4 mesi 14 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

image

Ed ecco l’ennesima vicenda di mangler, idee del ca$$o, pianificazione in perfetto stile "dai che la va’" et similia. Stavolta si parla del Registro Nazionale "Non chiamarmi". Che accidenti e’? (direte voi).

Alura, non so come siete messi da voi in questo senso ma sono un po’ di anni che qui’ da me tutte le aziende hanno scoperto il concetto di telemarketing che sostanzialmente consiste nel prendere l’elenco del telefono e chiamare tutti quelli che compaiono cercando di vendergli… quello che la ditta produce. Qualunque cosa sia.

Nella maggioranza dei casi e’ semplicemente una grande rottura di marroni. Non per niente io ho smesso di rispondere al telefono se il numero del chiamante non compare tra quelli "noti" ed ho abbassato la suoneria del telefono a zero.

Tempo addietro la Camera di Commercio Olandese ha istituito il registro nazionale delle aziende, che comprende un registro dei numeri di telefono che appartengono ad aziende e che non devono essere usati per telemarkettamento. Se una azienda riceve una telefonata di telmarkettatori puo’ fare ricorso ed in genere la societa’ di telemarkettatori si ritrova con una bella multa da pagare.

Tutto bello. Per le aziende. E fu’ cosi che uno dei tanti partiti nazionali in cerca di voti penso’ bene di cominciare a fare pressione e rompere i marroni per organizzare un registro nazionale dei privati cittadini.

La prima fase di tale "operazione" fu’ l’acquisizione di un petaziliardo di soldi governativi per la realizzazione del coso.

La seconda fase fu’ una serie di campagne pubblicitarie realizzate in televisione, radio, giornali, porta-a-porta e chi piu’ ne ha piu’ ne metta per diffondere la nozione della cosa e promuovere il suo utilizzo e diffondere la notizia che questo coso avrebbe reso tutti piu’ contenti, aumentato l’efficienza dei telemarkettatori, curato tutte le malattie del mondo eccetera eccetera. Seguirono una serie di discussioni, confronti, convegni e rassegne-stampa e pressioni sul governo per promuovere una legge nazionale per obbligare i famosi telemarkettatori a controllare il registro prima di chiamare qualcuno.

A questo punto scatta la fase 3. Cioe’ realizzare il foxxuto "registro".

Fase che inizio’ con grande pompa mediante l’acquisizione di un immenso ufficio in uno dei piu’ prestigiosi centri direzionali di Amsterdam e l’assunzione di un centinaio di individui che avrebbero dovuto… hemmmm… ecco, qui’ i dettagli diventano un po’ scarsi…

Comunquesia, dopo che tutto questo era stato effettuato, qualcuno comincio’ a pensare che questo famoso "registro" ancora non esisteva. E di tutta la montagna di soldi che questa gente aveva acquisito le rimanenti bricioline che furono trasferite nella voce "IT", che poi effettivamente erano quelli che il foxxuto registro avrebbero dovuto farlo e mantenerlo, ammontarono ad un paio di migliaia di euro.

E con quello teoricamente questa gente avrebbe voluto coprire tutta la parte ‘produttiva’ del sistema: hardware, software, sviluppo dell’applicazione, licenze, acquisto dei domini, certificati, hosting, debugging…

Si’, lo so. In questo momento voi state pensando "ma sei ancora in Olanda o sei ritornato in Italia di nascosto?". Credetemi, qualche volta me lo domando pure io.

Ovviamente dei soldi rimasti lo sviluppo della webapplicascion si porto’ via una sostanziosa fetta, un’altra bella fetta parti’ per l’acquisizione dei domini e dei certificati ed a quel punto l’SL della situazione si ritrovo a cercare un hosting con un paio di euri e 3 gomme da masticare usate come budget.

E qui’ (indovina un po’) arriviamo noi. Non sono a conoscenza dei dettagli delle varie proposte, offerte e contro-offerte, da quello che ho capito l’SL in questione era partito che voleva hardware triploridondante dedicato, supporto 24/7 (anzi di piu’) eccetera eccetera, poi dopo una occhiata alla cifra scritta in fondo ha cominciato a parlare di contenere i costi… ed alla fine si sono accordati per un virtual hosting condiviso (il che significa che non e’ una macchina vera ma e’ semplicemente una macchina virtuale su cui vi sono anche altre applicazioni di altra gente) con supporto in orario d’ufficio e "best effort".

A quanto pare, per ridurre ulteriormente il costo di supporto pare che questi si siano anche accordati su un limite alle ore di supporto che possono essere dedicate. Per cui piu’ che un determinato numero di operazioni su questa macchina non possono essere effettuate senza incorrere in una fatturazione extra. E dato che l’applicazione pare che sia sviluppata da qualcuno che fa’ apparire i vari Jugoslavi e PHProgrammatrote degli Einstein…

Io ho continuato a guardare con senso di disagio i vari spot pubblicitari che millantavano l’utilita’ di questo ‘registro’ comparire in televisione e sui vari giornali, e piu’ cresceva la frequenza di questi spot piu’ cresceva il mio senso di disagio. Poco prima del "lancio" (il giorno prima in effetti), di mia sponte ho deciso di spostare l’applicazione da una macchina virtuale che ospita diverse applicazioni di produzione ad una che ospita solo un paio di siti personali ed una applicazione di testing. Chiamatelo sesto senso.

Comunque, il giorno fatidico arriva, il famoso "registro" e’ on-line… ed il telefono comincia a squillare. Il server e’ irraggiungibile, l’applicazione non risponde piu’… io guardo: processore al 100%, database quasi incriccato e connessioni a tappo.

Dopo un paio di operazioni che sostanzialmente esauriscono la loro quota di ore di ‘supporto’ per i prossimi 3 mesi, finiamo con l’aumentare la memoria dedicata alla loro applicazione, fermare completamente quella di test e ridurre il numero massimo di connessioni contemporanee al resto in modo da ottenere una qualche parvenza di funzionalita’.

Il telefono continua a suonare ad intervalli, seguendo piu’ o meno i picchi di attivita’ del sistema. Ovviamente ogni volta che la discussione viene dirottata sui termini del contratto e si paventa la possibilita’ di una fattura di supporto extra l’interlocutore improvvisamente scopre che non e’ cosi’ urgente.

La sera, mentre sono li’ che solfeggio sulla tastiera per casi miei, colgo notizia in televisione che "il registro nazionale non-chiamarmi non risponde al telefono"… ed il giorno dopo la notizia e’ pure sul giornale.

Ah, ed ho anche scoperto che il loro contratto non prevede alcun backup per il famoso ‘database’. Sigh.

Davide

legenda personaggi

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: