Privacy Policy

Ricerca in FOLBlog

iSolutions per iPhone 3GS by Apple

 Scritto da alle 00:15 del 06/07/2009  Aggiungi commenti
Lug 062009
 

…If this message appears, you should turn the device off, move it to a cooler environment, and allow it to cool before resuming use….

(…se compare questo messaggio, spegnere il dispositivo, spostarlo in un ambiente più fresco e permettere il suo raffreddamento prima di usarlo nuovamente…)

La soluzione al surriscaldamento [1] del nuovo iPhone 3GS? Lasciarlo raffreddare!
Mitici!
Alla Apple sono dei genii. :XD

P.S.
Quali altri smartphones, palmari o cellulari sono afflitti dal medesimo problema?

Fonte


[1]

Probabilmente oggi non potrei usare un iPhone 3GS nella mia città:
Operate iPhone 3G and iPhone 3GS in a place where the temperature is between 0º and 35º C

Technorati Tag: ,Apple,howto,soluzione,

Articoli simili:

  17 Risposte a “iSolutions per iPhone 3GS by Apple”

Commenti (16) Pingbacks (1)
  1. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows XP

    Sarà un commento di cattivo gusto anzi lo è ma mi chiedo una cosa: se a Viareggio avessero avuto tutti questa genialata di “telefono” (due bicchieri con un filo ti permettono forse di telefonare, un telefono deve sicuramente permetterti di farlo) ci saremmo accorti della tragedia in atto quando mezza città era già diventata cenere perchè “prima bisogna aspettare che si raffreddi” ?

    Bah… come al solito apple dura quei 5 minuti dal lancio poi uno se è sveglio, si accorge dei difetti e lancia tutto dalla finestra…

    Voglio ricordare comunque che apple non è nuova a questi colpi di genio. Ai tempi dell’apple III il consiglio contro il surriscaldamento che faceva piantare la macchina, causato dalla sistematica e ricercata volontà di non includere ventole per il raffreddamento era quello di far cadere da mezza altezza tutto il computer, il miglior reset della storia 😆 da dove hanno avuto origine intere schiere di macachi

    Dimmi te, tutto sto popò di roba senza una caxxo di ventola

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/2/26/Apple_III-scheda_madre.jpg

    Un circuito d’alimentazione che forse non troveresti in un micro onde, un esercito di integrati che se va bene viene alimentato direttamente a 12V, una scheda figlia appoggiata tanto per garantire un corretto smaltimento dell’aria…

  2. Usando Safari Safari 530.18 con Mac OS X Mac OS X 10.5.7

    mmmhhh… qui non e’ riportato nulla infatti, non si parla di temperatura, allora questo lo mettiamo sul fornello per vedere se il case si scolora.. 😆

    http://www.htc.com/it/product/magic/specification.html

  3. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows 7

    @ Franco:
    Ah?
    Perdonami, non ho capito.

    Non so perchè, ma ogni volta che parlo di qualcosa che coinvolge Apple, mi sento costretto a spiegare il senso dei miei articoli.
    Volevo segnalare l’ironia e l’ilarità che suscita vedere una intera pagina web dedicata alla non-soluzione di un problema.
    In perfetto stile Apple.
    Solo a degli Applefan la cosa può sembrare del tutto normale.

    A me pare strano che esempi di clamorosi difetti come questi, ancora una volta indice di difetti di progettazione e di insufficiente testing pre-rilascio, siano tollerati in un prodotto che fa della qualità eccellente (molto presunta) il suo cavallo di battaglia.

    Se proprio l’ironia è indigesta, perchè non vedere il mio come un articolo che spiega, esattamente con le stesse parole utilizate dal centro di assistenza Apple, come “risolvere” un problema del nuovo iPhone?

  4. Usando Safari Safari 530.18 con Mac OS X Mac OS X 10.5.7

    Guardavo un pochino in giro… sai che il server HP DL370, prodotto da circa 4000 euro per il modello base riporta nelle specifiche tecniche:

    10° to 35°C (50° to 95°F) at sea level with an altitude derating of 1.0°C per every 305 m (1.8°F per every 1000 ft) above sea level to a maximum of 3050 m (10,000 ft), no direct sustained sunlight. Maximum rate of change is 10°C/hr (18°F/hr). The upper limit may be limited by the type and number of options
    installed.
    System performance may be reduced if operating with a fan fault or above 30°C (86°F).

    Solite ditte che non progettano in anticipo o loro prodotti. Eppure il modello dl370 ha delle belle ventole! Accidenti.

    Il documento in oggetto è qua: http://h20195.www2.hp.com/v2/GetPDF.aspx/c00711810.pdf

    Vuoi sapere perchè Apple è costretta ad uscire con quei bollettini ridicoli? Perchè lo ammetto sono ridicoli!

    Perchè c’è gente che va a cercare il pelo nell’uovo uscendo con delle castronerie!

    Ho lasciato il telefono al sole e si scalda! Ho telefonato solo 40 minuti in 3G con il Bt acceso mentre scaricavo in push la posta e avevo il gps acceso e il telefono scottava! Ma dai? Davvero?

    Lascia un server acceso a 40 gradi e vedi dove vanno i tuoi raid! E nono aspettarti un bollettino hp che dice che il server va tenuto a 20 gradi con aria condizianata!

  5. Usando Safari Safari 530.18 con Mac OS X Mac OS X 10.5.7

    Ibm però è meglio di HP, progettano meglio, hai ragione. Se lo tieni spento può arrivare anche a 50 gradi! Dico, 50!

    Temperatura dell’aria: – DS3400 acceso: da 10 a 35 °C (da 50,0 a 95 °F); altitudine: da 30,5 m (100 ft) a 3.000 m (9.840 ft) sopra il livello del mare; escursione termica: 10 °C (18 °F) all’ora – DS3400 spento: da 10 a 50 °C (da 14,0 a 120,0 °F); altitudine massima: 3.000 m (9.840 ft); escursione termica: 15 °C (27,0 °F) all’ora; umidità: – DS3400 acceso: dal 20 all’80% – DS3400 spento: dal 10 al 90% – Temperatura di condensazione massima: 26 °C (79 °F) – Gradiente di umidità massimo: 10% all’ora

  6. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows XP

    “Ho lasciato il telefono al sole e si scalda! Ho telefonato solo 40 minuti in 3G con il Bt acceso mentre scaricavo in push la posta e avevo il gps acceso e il telefono scottava! Ma dai? Davvero?”

    Dalle mie parti un progetto ben riuscito prevede di superare delle prove anche un tantino esagerate senza tante furberie “questo si ma quell’altro no” e comunque dal momento che uno smartphone prevede per sua stessa natura un uso multiplo (perchè no, pure contemporaneo) di funzioni, certe cose non te le aspetti perchè non dovrebbero capitare.
    E poi vorrei veramente capire dove pensi di andare a parare. Secondo il tuo ragionamento una persona che lavora e che ha fatto la gabola di comprarsi un aifon invece di qualcosa di serio, dovrebbe:

    – telefonare
    – lasciare riposare
    – scaricare la posta
    – lasciare riposare
    – leggerla
    – lasciare riposare
    (ops, imprevisto: è arrivato un sms, ma non puoi leggerlo perchè non hai ancora raggiunto la quota di riposo prevista)
    – leggere sms (vorresti rispondere ma il giocattolo deve riposare altrimenti piagne)
    – lasciare riposare
    – scrivere sms
    – lasciare…

    Se poi capitasse pure di dover usare il gps, apriti cielo, che la cgil organizza il corteo in difesa del povero telefonino sfruttato che non ha rispettato la direttiva sul riposo obbligatorio da concedere ai lavoratori.

  7. Usando Safari Safari 530.18 con Mac OS X Mac OS X 10.5.7

    Allora, non esageriamo, non cadere nel ridicolo.

    Appena arriverà un iPhone da mettere al caldo vedrà questo fantomatico blocco… nel frattempo lasciamo pure questi milioni di iPhone bloccati dal calore…

  8. Usando Safari Safari 530.18 con Mac OS X Mac OS X 10.5.7

    Ma sinceramente, adesso senza scherzare, avete mai visto/letto/sentito di un iphone con quella schermata? Anzi, al primo che e’ capitato l’ha buttata subito online! Sembra che se una persona ha avuto quella schermata, allora gli tutti gli iphone si scaldano ed hanno la schermata. Almeno, deduco questo dal commento di Overture, che dice addirittura di farlo riposare, scherzosamente spero :XD

    Nel documento apple, si dicono 3 cose, che possono far apparire la schermata:

    Leaving the device in a car on a hot day.

    Leaving it in direct sunlight for extended amounts of time.

    Using certain applications in hot conditions or direct sunlight for long periods of time, such as GPS tracking in a car on a sunny day or listening to music while in direct sunlight.

    Quindi penso proprio che non sia il caso di un utilizzo normale del cell, anche prolungato.

    @Enrico: ps: chiedi quali altri smartphone sono affetti dal problema, penso nessuno. Ne sei mai venuto a conoscenza? Qualcuno con Android ha mai scritto di surriscaldamenti? Oppure qualcuno con Win Mobile? No, in rete non ve ne e’ traccia, ma cio’ non vuol dire che non accada!

    Avete mai toccato un Nokia e51 dopo 20 minuti di telefonata? No? Altrimenti vi sareste scottato l’orecchio e la mano, ma a quello non appare la schermata di avviso..

  9. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows 7

    @ tutti:
    Calma, calma: niente panico ne’ nervosismo.

    @ Enrico:
    La pagina della kb di Apple e’ indirizzata a chi non legge un manuale di istruzioni (secondo me non leggerlo almeno una volta e’ una pessima idea, ma questo comportamento e’ piuttosto diffuso e difficile da sradicare) e serve anche a tutelarsi da possibili cause legali. L’iPhone non e’ solo: il Palm Pre soffre anch’esso di surriscaldamento e scarsa durata della batteria [1][2], curiosamente ha un hardware molto simile a quello dell’iPhone 3G S e alcuni utenti attribuiscono alle funzioni wireless (rete telefonica e WiFi) o ai programmi che si appoggiano ad esse (es email push) l’eccessivo consumo della batteria (in Airplane mode consuma molto meno). Viste le similutudini dell’hardware e dei problemi, e’ possibile le cause siano comuni anch’esse?

    @ Franco:
    Molti produttori non rilasciano le specifiche complete dei loro prodotti per il semplice motivo che non ritengono rilevanti le informazioni e non sono obbligati a darle: per me la temperatura non lo e’ e, ad es., mi piacerebbe sapere fino a quanto puo’ resistere il mio cellulare ma Nokia non ne ha comunicato i dati …
    In mancanza di dati e/o per apparecchi consumer, il range indicato da Apple per l’iPhone e’ plausibile (forse un po’ piu’ ampio, ma non tanto); range piu’ estesi sono tipici di prodotti di fascia businness o militare, dove l’informazione e’ rilevante oppure richiesta (specifiche militari): ad es., l’HP iPAQ Data Messenger funziona da -10 a +55 C [3] e il General Dynamic Sectera EDGE da -23 a +60 C [4]. E’ difficile garantire l’operativita’ a temperature superiori a causa della batteria, la cui tensione interna cresce: questo riduce la corrente ergabile e surriscalda il corpo, aumentando il rischio di incendio; analogo discorso per quelle parecchio inferiori allo zero, perche’ l’elettrolita della batteria si cristallizza ed interrompe l’erogazione di corente e la condensa dell’umidita’ atmosferica potrebbe cortocircuitare l’elettronica, se non protetta.
    Mia domanda irriverente: l’iPhone e’ un prodotto di quale fascia?

    @ Shance:
    E’ completamente fuori luogo il citare i server: sono pensati per usi diversi in luoghi diversi (riesci a far funzionare il server in spiaggia, Shance?). E’ come confrontare il consumo di un camion con quello di un utilitaria: e’ possibile, ma che senso avrebbe?

    @ tutti:
    Non mi stupiscono il surriscaldamento e la durata della batteria: salvo difetti di progettazione o dei materiali (es batterie difettose), sono “effetti collaterali” dell’utilizzo intenso dell’apparecchio che e’ progettato per stare in stand-by per la maggior parte del tempo. Analogo discorso per i computer: la maggioranza dei portatili ha un dissipatore sottodimensionato ed una ventolina risibile pensata per minimizzare il rumore, l’apparecchio non resisterebbe ad un burn-in serio (temperatura ambiantale di 40-50C, processore e gpu a chiodo, hard disk in attivita’, networking collegato, ecc.) di 24 ore perche’ la protezione termica lo spegnerebbe ben prima del termine della prova.

    Il problema e’ un’altro: per surriscaldare un cellulare duro e puro (es Nokia 3310) bisogna telefonare per piu’ di un’ora di seguito ed appoggiando l’apparecchio alla guancia e’ difficile non notarne la temperatura; per arroventare un palmare od uno smartphone ed azzerarne la batteria in un batter d’occhio basta giocarci, guardare un filmato (meglio se HD: voglio i 1280×720 su uno schermetto da 4″, piu’ dettagliato del reale :P), navigare sui siti “pesanti” (chi ha detto youtube?), “dimenticarsi” acceso il Bluetooth …
    Per il produttore sono utilizzi intensi, che statisticamente gli utenti eseguirebbero solo per poco tempo; per gli utenti sono la differenza fra uno smartphone e un cellulare, caratteristiche propagandate ed il vero motivo per cui hanno acquistato il primo e non il secondo. Chi ha ragione?

    Edward

    [1] http://discussions.apple.com/thread.jspa?threadID=2055703&tstart=0
    [2] http://forums.palm.com/palm/board/message?board.id=weboshardware&thread.id=94
    [3] http://h10010.www1.hp.com/wwpc/uk/en/ho/WF06a/215348-215348-64929-3352590-3352590-3806501.html
    [4] http://www.gdc4s.com/content/detail.cfm?item=32640fd9-0213-4330-a742-55106fbaff32&page=2

  10. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows XP

    Franco ha scritto:

    Nel documento apple, si dicono 3 cose, che possono far apparire la schermata:
    Leaving the device in a car on a hot day.
    Leaving it in direct sunlight for extended amounts of time.
    Using certain applications in hot conditions or direct sunlight for long periods of time, such as GPS tracking in a car on a sunny day or listening to music while in direct sunlight.

    Ma secondo apple cosa sarebbe “hot day” ? 30 Gradi (mi auguro non Fahrenheit) ? Ma dove li hanno fatti i test ? Al villaggio di babbo natale in Finlandia dove le giornate più calde sono dei piacevolissimi 20° per soli 6 mesi all’anno ed il sole è talmente tenue che puoi guardarlo direttamente senza occhiali da sole ?
    Se avessero provato veramente a mettere il cellulare dentro una macchina in una giornata calda, avrebbero misurato almeno 45° e già si sarebbe potuto ragionare.

  11. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows 7

    Shance ha scritto:

    sai che il server HP DL370, prodotto da circa 4000 euro…

    Stai paragonando un dispositivo mobile (mobile) ad un server che, come tutti i server, se stanno chiusi nella loro stanza con aria condizionata è meglio?
    Strano che non abbia citato il peso del server!
    L’amore rende ciechi, è proprio vero! 😀

    Shance ha scritto:

    Perchè lo ammetto sono ridicoli!

    E allora, vedi che hai capito il senso dell’articolo al 100%?
    Perche solo Apple se ne esce con queste perle di comicità? Perchè conosce il suo gregge!

    Edward ha scritto:

    L’iPhone non e’ solo

    Hai il link della pagina web in cui il produttore del Palm Pre consiglia di “risolvere” il problema del surriscaldamento non utilizzando il device finchè non si è raffreddato?
    Se l’iPhone, con questi limiti (chiaramente di progettazione) è un prodotto eccellente, anche il Palm allora lo è?
    O sono entrambi due prodotti con difetti che andrebbero corretti al più presto e che, certamente, come SEMPRE è avvenuto per le lacune che ho messo in evidenza riguardo all’iPhone, lo saranno.
    La certezza mi deriva dal fatto che sono difetti, non mie fisime da Apple-hater.

    Edward ha scritto:

    Viste le similutudini dell’hardware e dei problemi, e’ possibile le cause siano comuni anch’esse?

    Se l’hardware è lo stesso ed i difetti sono simili….2+2=?
    In ogni caso si tratta di un errore di progettazione (in questo caso specifico sembrerebbe che si sia puntato sull’assembleggio di componenti non all’altezza).

  12. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows Vista

    @Enrico
    Tutti i prodotti elettronici, o almeno quelli che ho guardato, compresi i server (lo ammetto, in spiaggia non porto il server 🙂 )!

    Poi ti ho già risposto:

    Vuoi sapere perchè Apple è costretta ad uscire con quei bollettini ridicoli? Perchè lo ammetto sono ridicoli!

    Perchè c’è gente che va a cercare il pelo nell’uovo uscendo con delle castronerie!

    Alla fine della fiera non ce la faccio a darti ragione, non riesco proprio scusami 🙂

    @Edward
    Si hai ragione ma è il primo coso elettronico a cui ho pensato… scusami tantissimo. Però rende l’idea no? …mmm

  13. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows 7

    Shance ha scritto:

    Alla fine della fiera non ce la faccio a darti ragione, non riesco proprio scusami

    Tranquillo, non lo chiedo! 😀
    Quando ammetti che “la soluzione” a cui Apple ha dedicato una pagina web è ridicola, hai semplicemnte individuato la molla che mi ha spinto a scrivere l’articolo.
    Oggetto non è il surriscaldamento dell’iPhone, ma la “soluzione” proposta da Apple che, evidentemente, crede di avere a che fare con degli ebeti.

    Non sono d’accordo però sulla tua difesa a oltranza che trovo controproducente: evidenziare un difetto in un prodotto (e quando un prodotto costa relativamente molto come l’iPhone anche la caccia al pelo nell’uovo è quasi lecita) è un modo per fornire all’azienda un salutare feedback che potrebbe essere utilizzato per migliorare il prodotto.
    Evidenziare un problema non è reato di lesa maestà.
    Ma quasi un dovere civico dell’utente, nel proprio interesse.

    Ti stupisci dell”accanimento” che sembra esista contro i prodotti Apple.
    Ma se uno pubblicizza i propri prodotti con la spocchia usata da Apple, se li vende a quei prezzi, automaticamente stimola un incremento delle aspettative nell’utente, che è convinto di spendere di più per avere di più, tanto di più e che invece si ritrova spesso con prodotti troppo simili a concorrenti il cui prezzo è nettamente inferiore.
    Ti è di consolazione sapere dal buon Edward che l’iPhone presenta difetti simili al Palm Pre che viene commercializzato (in regime di concorrenza e non nell’ambiente artificiale creato attorno all’iPhone) a 200 Dollari?
    Non credi che questo sia il risultato della fedelizzazione (non fidelizzazione, bada bene) dell’utenza?

  14. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows XP

    Enrico ha scritto:

    crede di avere a che fare con degli ebeti

    Secondo me non ci va molto lontano, in fin dei conti a lamentarsi e commentare in maniera piccata non dovremmo essere noi ma proprio gli utenti apple

  15. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows 7

    Enrico ha scritto:

    Hai il link della pagina web in cui il produttore del Palm Pre consiglia di “risolvere” il problema del surriscaldamento non utilizzando il device finchè non si è raffreddato?

    Purtroppo no: Palm non ha emesso alcun bollettino, comunicato, istruzione o simili. Niente di niente: ci sono solo le lamentele e gli esperimenti degli utenti. Gradirei almeno un “Stiamo investigando” 😐

    Se l’iPhone, con questi limiti (chiaramente di progettazione) è un prodotto eccellente, anche il Palm allora lo è?

    Se eccelle nel numero di guasti, si 😀
    Tornando serio, non lo so: come ho chiesto alla fine del mio precedente post, questi problemi sono in qualche modo legati all’uso e alle aspettative d’uso degli utenti?
    Se voglio essere sempre reperibile (telefonare tramite linea telefonica tradizionale e voip, ricevere e spedire sms, usare la posta e avere un programma di IM sullo smartphone) devo essere connesso ad internet per parecchie ore al giorno: l’uso del processore e del networking si riflettono sul consumo della batteria e anche sulla dissipazione termica. Puo’ l’acquirente aspettarsi un simile uso del dispositivo (palmare o smartphone) e attribuire al produttore questi problemi causati da cattiva progettazione oppure questo e’ un uso molto particolare, equivalente a guidare un’auto col motore sempre al massimo dei giri, e quindi i problemi ricadono sulle spalle dell’utente? E’ un problema che accade con i portatili: solo il buon senso suggerisce di non eseguire programmi particolarmente gravosi per non mettere alle corde il sistema di dissipazione spesso dimensionato al minimo, il produttore non vieta esplicitamente nulla ma progetta il computer per un utilizzo “leggero” (office, navigazione, posta, flash game, poco altro).

    (in questo caso specifico sembrerebbe che si sia puntato sull’assembleggio di componenti non all’altezza).

    Qualche link? L’unico che ho trovato e’ una dichiarazione [1] del proprietario di Rapid Repair, Aaron Vronko, per il quale le batterie sono difettose e si aspetta un richiamo in massa: nessun commento sulla qualita’ dei componenti.

    Shance ha scritto:

    Però rende l’idea no? …mmm

    Se lo dici tu …

    Edward

    [1] http://www.wired.com/gadgetlab/2009/06/overheating-iphones/

  16. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 3.5 con Windows Windows 7

    Edward ha scritto:

    Puo’ l’acquirente aspettarsi un simile uso del dispositivo (palmare o smartphone) e attribuire al produttore questi problemi causati da cattiva progettazione oppure questo e’ un uso molto particolare, equivalente a guidare un’auto col motore sempre al massimo dei giri, e quindi i problemi ricadono sulle spalle dell’utente?

    Beh, se compro un dispositivo mobile come l’iPhone, nato come altri proprio per soddisfare queste esigenze, direi proprio che è lecito pretendere che queste cose le faccia.
    Tutte, e tutte contemporaneamente.
    L’auto con il motore sempre al massimo è un esempio un po’ forzato che secondo me non rende l’idea.
    Più calzante forse sarebbe quello di un auto che ogni tot km, necessita di una sosta forzata, alla quale si è obbligati a prescindere dalle reali esigenze dell’utilizzatore.
    Insomma, è possibile che se nessuno prima d’ora ha pensato di realizzare dispositivi come l’iPhone, è perchè ha ritenuto (giustamente?) la tecnologia attuale ancora immatura?
    Non è una provocazione, ma un dubbio lecito, che a me ronza in testa da quando è uscito il primo iPhone.
    Costruire un notebook sottilissimo (l’Air), bellissimo, che però poi costringe a compromessi difficilmente accettabili e si dimostra fragile (le tante cerniere che si rompono nello stesso punto), è una genialata o un errore di valutazione/progettazione?
    Dipende da come il mercato le accoglie.
    Apple ha la fortuna di poter contare su una platea molto (secondo me troppo) indulgente e certe scelte sembra poterle fare a cuor leggero, senza mai rischiare seriamente.
    Tanto non ci rimette mai ed a pagare sono sempre gli utenti.

    Comunque la vicenda, a mio parere, dice parecchie cose interessanti su Apple, i suoi prodotti (la qualità reale dei suoi prodotti) ed il rapporto coi propri clienti.
    Solo a volerle vedere….

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: