Ricerca in FOLBlog

Iron, solo il meglio di Google Chrome

 Scritto da alle 10:00 del 05/11/2008  Aggiungi commenti
Nov 052008
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 9 anni 1 mese 12 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

image
Google Chrome, o Chromium che dir si voglia, è senza ombra di dubbio uno dei prodotti più chiacchierati del momento, osannato da taluni, aspramente criticato da altri.
Per quanto mi riguarda, trovo intollerabile l’assoluta mancanza di rispetto per la privacy dell’utente ed i potenziali rischi che ciò comporta: Chrome infatti, oltre a registrare tutta una serie di informazioni in fase di installazione, esecuzione e in caso di errori, prevede un sistema di auto-aggiornamento invisibile all’utente (che non può nemmeno disabilitarlo se desidera), genera un client-id univoco che gli consente di identificare l’utente durante la navigazione, intercettandone, conservandone e tracciandone le abitudini di navigazione.
Esattamente come fa (mi si perdoni il paragone un po’ forte) un comunissimo spyware.

Uno degli aspetti che rendono Chrome interessante è che, l’essere rilasciato come progetto opensource, consente di studiarne il codice ed anche modificarlo.
Ed i risultati non hanno tardato a vedersi.
SRWare, attorno alla seconda metà di settembre, ha infatti sviluppato Iron, una versione di Chrome personalizzata, a cui sono state eliminate completamente tutte le funzionalità che mettono a rischio la privacy dell’utente.

Iron ha la stessa interfaccia, gli stessi comandi ed opzioni, la stessa rapidità di caricamento delle pagine web di Chrome, dal quale è perciò indistinguibile “ad occhio nudo”.
Nel frattempo però Iron si è arricchito di nuove funzionalità che lo rendono migliore del progetto originale.
Adblocker, ad esempio, è una funzionalità nativa di rimozione della pubblicità dalle pagine web (assente in Chrome).
La funzione è abilitato di default ma manca una voce di menù che che consenta di abilitarlo o disabilitarlo.
Adblocker si limita a bloccare l’accesso ai siti elencati in un apposito file (adblock.ini) presente nella cartella di installazione.
Inizialmente l’elenco è vuoto, e può essere popolato manualmente secondo le proprie preferenze; oppure si può utilizzare l’adblock.ini realizzato da SRWare o uno tra quelli disponibili per ADBlock Plus, la popolare estensione per Firefox che ha lo stesso scopo, o ancora una degli elenchi reperibili in rete (vedi X Files ad esempio).

Infine, SRWare ha realizzato una versione portabile di Iron , eseguibile direttamente senza necessità di installazione.

Insomma, Iron è Google Chromium senza i suoi difetti.

Fonte

Technorati Tag: ,,,opensource,,

[1]
Provando ad utilizzare l’elenco X-Files, ho avuto modo di notare che adblock.ini non tollera un eccessivo numero di links. Con l’elenco XFiles completo, ad esempio, va in crash.

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: