Ricerca in FOLBlog

Dic 152007
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 9 anni 8 mesi 9 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.


Ho sempre pensato che uno dei problemi che devono trovare una soluzione per le interfacce touch e, a maggior ragione quelle multitouch come iPhone, iPod Touch o Surface, siano gli antiestetici aloni che si lasciano con l’uso.
Chiunque abbia utilizzato una di queste interfacce o possegga un palmare o apparecchio (anche un cellulare) con finiture scure lucide, sa a cosa mi riferisco.
Mi ha fatto sorridere leggere della “soluzione” (se così dobbiamo proprio chiamarla) brevettata da Sony.
Non mi convince nemmeno l’escamotage del Lucid Touch adottato da Microsoft Research & Mitsubishi Electric Research Labs, in cui si interagisce tramite il tocco (multitouch) della parte posteriore dello schermo.
Non credo che siano quelle le strade che ci poteranno ad una soluzione del problema.
Credo invece che la soluzione arriverà dalle nanotecnologie, che consentiranno di realizzare superfici in cui le particelle indesiderate non hanno modo di restare attaccate (similmente a quanto accade per i tessuti idrorepellenti con l’acqua).
Infatti mi pare che la ricerca si sia già da tempo mossa in questa direzione con la creazione delle cosiddette superfici intelligenti.
Esempi:
Il vetro che non si appanna
Vetro autopulente
Diamon Fusion

Technorati Tag: multitouch,nanotecnologie

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: