Ricerca in FOLBlog

Davide Psystar contro Golia Apple.

 Scritto da alle 11:44 del 15/11/2009  Aggiungi commenti
Nov 152009
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 8 anni 1 mese giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Apple vs. Psystar

Seguo la saga di Psystar contro Apple dalle sue origini.
Psystar è quell’azienda che ha osato commercializzare i propri comunissimi PC con MacOSX preinstallato, nonostante la licenza d’uso del sistema operativo quasi-“made in Cupertino” consenta l’utilizzo del software solo su computer Apple.

La cosa mi è sembrata interessante da subito perché, a prescindere dall’esito della battaglia legale che ne è immediatamente scaturita, ci vedevo una dimostrazione di alcuni punti di cui ho più volte parlato.
Cito i principali:
1) I computer Apple sono dei normalissimi PC venduti a prezzi esagerati;
2) I fan acritici di Apple sono gli unici consumatori felici della mancanza di concorrenza, che generalmente comporta un peggioramento del rapporto qualità/prezzo dei prodotti che acquistano;

Apple ha ovviamente immediatamente sguinzagliato un branco di avvocati nel tentativo di bloccare questa intollerabile dimostrazione di capacità di tecnica del cloner di PC Mac; Psystar, dal canto suo, ha risposto sostenendo che l’imposizione di limitare la possibilità di esecuzione del software Apple solo sui PC prodotti da quest’ultima, poteva essere vista come una pratica anti-concorrenziale (ma va?).

Da notare che Psystar vendeva regolarmente il sistema operativo, non lo piratava, perciò, a voler ben guardare, contribuiva all’ampliamento del business Apple.
Ma evidentemente per Apple era più importante evitare a tutti i costi che qualcuno potesse trarre delle ovvie conseguenze dal veder girare senza problemi i propri software anche su macchine molto più economiche.

Psystar convinta di poter aver forti probabilità di aver vinta la diatriba, ha anche agito provocatoriamente rilasciando un controverso kit che consente a chiunque di realizzare un PC su cui MacOSX gira che è una favola.

Ma mi sa che ha fatto i conti senza l’oste.
E’ notizia di ieri che Apple avrebbe avuto un primo giudizio favorevole nella causa che la vede opposta alla concorrente.
Se questo fatto potrebbe sancire la fine del business di Psystar, è innegabile che quest’ultima abbia aperto la strada ed iniziato una rivoluzione che tanto mi ricorda quella della nascita dei cloni di PC IBM degli anni ‘80.
Sulla scia dell’idea di Psystar infatti sono nate molte altre iniziative, come RussiamMac, Quo Computer o PearC.

Leggere i commenti e le reazioni degli Applefan alla nascita di iniziative come quelle della Psystar, che in teoria dovrebbero essere a tutto vantaggio degli utenti stessi che otterrebbero i medesimi risultati a costi nettamente inferiori, secondo me andrebbe studiato in sociologia.
Potere (o si può già parlare di strapotere?) del marketing.

Technorati Tag: Apple,Psystar,,,,

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: