Ricerca in FOLBlog

Configurare NOD32 al meglio

 Scritto da alle 00:15 del 20/10/2008  Aggiungi commenti
Ott 202008
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 8 anni 10 mesi 1 giorno giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

NOD32
Preso dalla febbre di test per gli antivirus, ho concluso le prove testando NOD32 versione 3.0, ancora non disponibile in italiano.
Parto dalle conclusioni: che delusione!
Nel tentativo di rendere più friendly il programma rispetto alla versione 2.70, secondo me han soltanto complicato le cose, e di certo non hanno semplificato un bel nulla.
L’unica cosa che ho trovato migliorata è la possibilità di esportare e reimportare le impostazioni, che nella versione 2.70 era possibile solo alla versione Enterprise.
Le impostazioni sono rimaste pressoché le stesse (non dico le stesse, anche se lo penso, perchè potrebbe essermi sfuggita qualcosa), solo che ora sono tutte raggruppate e raggiungibili da un unico punto d’accesso.
Inoltre ho trovato che rispetto al NOD32 2.70, la versione 3.0 risulta un po’ più pesante e gli effetti sulle performances sono meno invisibili, perdendo anche parte di quella che, fino ad ora, è stata senz’altro una caratteristica peculiare dell’antivirus di Eset.
Riassumendo: NOD32 3.0 è diventato meno bravo a fare il suo lavoro ma un po’ più pesante per il sistema.
Per quale motivo dovrei abbandonare la versione 2.70?
Dopo meno di una settimana, infatti, ho provveduto a riportare la situazione com’era, disinstallando NOD32 3.0 e reinstallando il fido NOD32 2.70.

Con questo articolo, ho deciso perciò di mostrare come configuro di solito l’antivirus perchè dia il meglio di se’, sperando, più che supponendo, di non aver commesso errori.
Questo perché gli antivirus installati con le impostazioni di defalult, non rendono al massimo delle possibilità.

Partiamo con l’installazione.
Scegliamo l’installazione personalizzata:
Installazione NOD32 2.7

Inseriamo il nome utente e password comunicati quando si è chiesta l’attivazione di NOD32
Installazione

Modifichiamo le impostazioni dell’aggiornamento automatico
Installazione
NOD3204

Rendiamo più trasparente la presenza dell’antivirus
NOD3205

NOD3207

Modifichiamo le impostazioni del ThreatSense, cioè di quella funzione che si occupa di inviare, per l’analisi ai laboratori Eset, file sospetti e dati statistici

Abilitiamo tutti i controlli possibili







Ed infine, se utilizzate Outlook, abilitiamo anche la funzione di controllo apposita

Ora concludiamo l’installazione e riavviamo il sistema come richiesto.
Rispetto all’installazione con le impostazioni di default abbiamo fatto già un bel passo avanti.
Ma non abbiamo ancora finito. Ancora NOD32 non esprimerebbe tutta la sua potenza.
Cliccando sull’icona presente nella tray bar, compare il control center di NOD32, da cui è possibile gestire tutte le impostazioni, i rapporti, la quarantena, la programmazione di scansioni ecc.
NOD32 Control Center

Da ora in poi, vi segnalo solo quali impostazioni modificare, indicandovi l’area  e la scheda in cui è possibile farlo.
Iniziamo con le impostazioni di AMON, lo scanner in tempo reale che si occupa di vigilare su qualunque file venga utilizzato dal sistema.

Ora occupiamovi di DMON, lo scanner specifico per documenti Microsoft

Ora occorre un po’ di attenzione.
Osservate bene le impostazioni della scheda seguente, che indica a NOD32 come comportarsi nel caso venga rilevata un’infezione.

In questo modo si sta dicendo a NOD32 di tentare di disinfettare un file infetto dopo averne messo una copia dell’originale in quarantena, e se non è possibile la disinfezione di cancellarlo.
Impostando in questo modo NOD32, si evita di venire assillati da richieste tutte uguali e se ne determina il comportamento una volta per tutte.
Le stesse impostazioni scelte per la voce File, vanno ripetute per le voci Archivi, Archivi autoestraenti ed Eseguibili compressi.

Lo so, è un po’noioso, ma la fatica verrà ripagata in seguito.

Ora modifichiamo le impostazioni di EMON, il motore di scansione che si occupa di vigilare sulle email in entrata ed in uscita.



Osservando quest’ultima immagine, vi sarete resi conto che le impostazioni sono le stesse utilizzate in precedenza per DMON. E ahimè, occorre ripeterle per ciascuna voce presente nel menu’ a tendina (Archivi, Archivi autoestraenti ed Eseguibili compressi).

IMON, la parte di NOD32 che si occupa di vigilare sui contenuti delle pagine web che visitate, è già configurato al meglio. Non ve ne sarete accorti ma l’abbiamo fatto durante l’installazione.

Ora non ci resta che impostare il motore di scansione on-demand di NOD32, indicando al programma come comportarsi quando rileva file infetti durante la scansione dell’intero HD o delle cartelle scelte dall’utente.
Selezioniamo NOD32 e poi scegliamo l’opzione Esegui NOD32; attendiamo che NOD32 termini la scansione della memoria e portiamoci come prima cosa sulla scheda Setup, in cui ci son parecchie voci da modificare.

Ora passiamo ad impostare la scheda Azioni

Qui vale lo stesso discorso fatto per impostare le azioni dei moduli DMON e EMON, ma in più il menu’ a tendina contiene voci aggiuntive

Ora non ci resta che memorizzare le impostazioni in un profilo che poi utilizzeremo per tutte le scansioni, in modo da utilizzare NOD32 sempre al massimo livello di protezione.

Ora che abbiamo insegnato a NOD32 come comportarsi, possiamo pensare di programmare una scansione antivirus dell’hard disk periodica, in modo che venga eseguita automaticamente anche in nostra assenza (anzi magari proprio durante l’ora del pranzo, ad esempio).
Clicchiamo sul triangolino Strumenti di Sistema per esplodere il menu’ delle opzioni disponibili e scegliamo Pianificazione operazioni e premiamo il pulsante Aggiungi

Tra i tipi di operazione disponibili, scegliamo scanner on demand

Scegliamo quando eseguirla…

…e confermiamo quale profilo, contenente le impostazioni, utilizzare.

Abbiamo finito.

Un’ultima informazione relativa alla quarantena.
I file che ritenuti infetti da NOD32 vengono copiati in una cartella prima che NOD32 inizi la sua opera.
E’ possibile indicare a NOD32 quale cartella utilizzare, selezionando la voce Setup del sistema NOD32 e scegliendo poi la scheda Esteso

Spero che questa guida possa essere d’aiuto a chi ritiene, forse a ragione, che configurare bene un antivirus non sia cosa affatto semplice.

[raings]

Technorati Tag: antivirus,NOD32,,howto,installazione,

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: