Ricerca in FOLBlog

Feb 192009
 
closeQuesto articolo è stato pubblicato 8 anni 9 mesi giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Su gentile richiesta, descrivo qui come configurare account VoIP sul router Draytek Vigor 2980vn di cui ho parlato in questo articolo.
In questo articolo tento di spiegare come configurare quei parametri che normalmente risultano più ostici per gli utenti e le cui spiegazioni sul manuale mi son sembrate non troppo chiare o esaustive.
Il problema di apparecchiature complete come queste, infatti, è che, essendo pensate per soddisfare un ampia gamma di esigenze, spesso per fare cose semplici occorre districarsi tra una marea di impostazioni, molte delle quali non riguardano il nostro caso e sono di difficile comprensione, generando confusione ed incertezza.
Per maggiori informazioni rimando al manuale (qui si può scaricare tutta la documentazione aggiornata)

Iniziamo.
Per configurare il router, occorre accedere al web configurator da un browser, indicando l’indirizzo IP del router.
Innanzi tutto occorre andare alla sezione VoIP del router e selezionare uno dei 12 account VoIP da configurare.
VoIP >> SIP Accounts List

In questa videata (SIP Accounts List) si vedono gli account che ho configurato sul nostro router in azienda.
Profile contiene un nome a piacere che serve a riconoscere l’account VoIP.
Domain/Realm e Proxy riportano gli indirizzi del server VoIP dell’operatore con cui abbiamo attivato un account.
Account Name riporta la user ID di accesso per quell’account.
Ring Port consente di specificare quali porte del router devono essere attivate quando c’è una chiamata in arrivo. In pratica determina quali telefoni far squillare quando arriva una chiamata su un dato numero di telefono.
Ovviamente qualsiasi impostazione è ininfluente se un account VoIP non prevede chiamate in arrivo (esempio Nonoh, Voipcheap o poivY).

Un piccolo trucco: se l’operatore lo consente, è possibile configurare due volte lo stesso account. Questo consente di ottenere l’equivalente di un numero con due canali che consentono di effettuare due conversazioni contemporaneamente.
Nel nostro caso, gli account 3 e 6, sono in realtà configurati allo stesso modo, con i dati di un unico account VoIP Eutelia; in questo modo quando con uno dei due account risulta già in corso una conversazione, è sempre possibile ricevere o fare telefonate utilizzando l’altro (il tutto avviene automaticamente dato che il router si occupa di instradare la chiamata utilizzando l’account libero).

Configuriamo ora un account VoIP. Ad esempio un account poivY ed uno Euteliavoip.

poivY

Euteliavoip

Nel campo Profile name inseriamo un nome a piacere che ci consenta di riconoscere l’account nell’elenco visualizzato prima.
Nell’esempio ho indicato “poivY” ed il numero di telefono (opportunamente oscurato/eliminato) che corrisponde all’account VoIP di Eutelia.
Register Via consente di selezionare in che modo il router deve tentare di autenticarsi sul server VoIP; è possibile scegliere tra WAN1,WAN2, LAN/VPN,PVC.
L’impostazione “Auto” è quella più sicura in quanto consente al router di scoprire da se quale connessione è utilizzabile per la connessione.
Se però si vuole utilizzare una connessione specifica per il VoIP, allora la scelta va fatta qui.

SIP Port, sempre 5060 (salvo diversa indicazione da parte del provider VoIP).

Domain/Realm e Proxy sono parametri forniti dal provider VoIP (qui trovate quelli per Voipcheap, nonoh, poivY, Eutelia).
In questo caso utilizziamo sip.poivy.com per l’account poivY e voip.eutelia.it per quello Eutelia.

Display name è il numero di telefono da mostrare a chi riceve la chiamata. Indicate quello che preferite, ma sappiate che a volte non viene mostrato (il perchè ancora non l’ho capito).

Account Number/name e Autentication ID vanno compilato con la userID dell’account VoIP attribuita dal provider VoIP quando avete fatto la registrazione.
Per Eutelia questa coincide con il numero di telefono che si è scelto durante la procedura di registrazione.

Password è la password associata alla userID appena inserita.

Expiry Time è l’intervallo di tempo dopo il quale il router effettua una nuova connessione al server VoIP.
Questo intervallo deve essere inferiore a quello utilizzato dal provider per disconnettere gli account inattivi. Di solito un’ora va bene.

NAT Traversal Support consente di specificare se utilizzare uno Stun server.
Di solito non è necessario.
Se il provider ne prevede uno e la qualità audio delle conversazioni non è ottima, selezionare lo Stun server a volte è utile.
Ah, scordavo, l’indirizzo dello Stun server si trova nel fondo della pagina precedente (SIP Accounts List), quella che elenca gli account  configurati.

Ring pattern consente di differenziare lo squillo dei telefoni collegati alle porte FXS del router a seconda di quale account VoIP riceve la chiamata.
Una volta inseriti i dati, occorre premere OK per memorizzarli.

Se tutti i dati inseriti sono corretti, lo status dell’account VoIP dopo alcuni secondi diventa “R”, a segnalare l’avvenuta registrazione dell’account sul server VoIP indicato (premere il tasto Refresh per aggiornare lo stato).
Se ciò non accade probabilmente si è commesso un errore inserendo la password, o la userID oppure l’indirizzo del server VoIP.

Occorre ora configurare opportunamente le porte del router.
VoIP >> Phone Settings
Configuriamo entrambe le porte in questo modo:

Per le Call Feature rimando al manuale (raramente utilizzate).
E’ importante invece compilare la sezione di destra.
Come codec preferito indicare G.711MU. Assicura una qualità audio ottima.

Selezionare un Default SIP Account tra quelli configurati.
Sarà l’account VoIP utilizzato di default in mancanza di ulteriori indicazioni.
Più avanti vedremo come impostare delle regole in modo da utilizzare un account o l’altro a seconda del numero telefonico.

Il segno di spunta su Play dial tone only when account registered è utile per diagnosticare tempestivamente eventuali problemi di connessione: se non si sente il tono di linea libera quando si alza la cornetta significa che, per qualche ragione, di solito per un momentaneo disservizio (per fortuna roba rara), il router non è riuscito ad autenticare l’account VoIP presso il server VoIP.

Una volta impostati questi valori, premere sul pulsante Advanced.
Advanced Phone Settings
Qui, normalmente occorre semplicemente selezionare Italy nel campo Region ed assicurarsi che l’impostazione DTMF Mode sia “InBand”.
Mic Gain e Speaker Gain (il cui valore di default è 5) è da modificare se il volume delle conversazioni vi sembra troppo basso/alto.
Un bel click su OK, e anche qui abbiamo finito.

Ora vediamo come impostare delle regole che indichino al router quale account utilizzare per le chiamate uscenti a seconda del numero telefonico digitato.
Andiamo su Dial Plan e selezioniamo Digit Map.

Verrà mostrata una pagina in cui è possibile inserire fino a 20 regole.
Digit Map Setup

Ho inserito alcuni esempi per illustrare le varie possibilità.
La regola 1 è la più semplice.
Nel campo Prefix Number ho inserito un numero di telefono.
Quando il router rileva che è stato composto quel numero, non effettua alcuna modifica su di esso (Mode=None) ed instrada la chiamata utilizzando l’account VoIP 6.
Sarebbe stato comodo che, invece del numero dell’account, fosse visualizzato il nome a piacere che abbiamo indicato in Profile Name, ma chi si accontenta gode.

Passiamo alla regola 13.
In questo modo stiamo dicendo al router che quando chiamiamo un numero telefonico che inizia per 3 (prefix Number = 3) e la cui lunghezza è 10 cifre (Min Len e Max Len  = 10), il 3 va sostituito (Mode=Replace) con le cifre 00393 (OP Number=00393) e la chiamata instradata tramite l’account VoIP 5 (interface=Voip5), cioè poivY nel nostro caso.
In sostanza quando digitiamo sulla tastiera del telefono il numero 335-1234567, il router compone 00393351234567 ed instrada la chiamata tramite poivY.
Si intuisce facilmente una bella comodità: utilizzare un account VoIP di un operatore straniero (Betamax nel caso di PoivY, nonoh e Voipcheap) comporta la necessità di indicare il prefisso internazionale prima del numero da chiamare.
Tramite questa feature, il router ci evita la seccatura, perchè rimpiazza il 3 con le cifre 00393.
La regola 18 fa una cosa analoga, ma intercetta tutte le chiamate in uscita il cui numero inizia per 0 (urbane ed interurbane) e le instrada utilizzando l’account VoIP 2 (Voipcheap).

La regola 3 consente di intercettare tutte le chiamate uscenti il cui numero di telefono inizia per 00 (Prefix Number = 00), tipicamente una chiamata internazionale, e, ai due zeri iniziali viene aggiunto (Mode=Add) in numero 353 (OP Number=353).
Ho supposto che si avesse necessità di chiamare spesso numeri telefonici dell’Irlanda (prefisso 00353).
Con questa regola il numero 00353 123 1234567, può essere chiamato digitando sulla tastiera del telefono il numero 00 123 1234567.
Il router, in base alla regola specificata, comporrà correttamente il numero 00353 123 1234567 ed instraderà la chiamata con l’account VoIP 4.

La regola 2 è una sorta di eccezione alle regole: consente di inoltrare la chiamata tramite l’account VoIP 3 per quei numeri che sarebbero intercettati da una delle regole indicate.
Per ottenere ciò è sufficiente far precedere il numero da chiamare con un 9.
Ad esempio se voglio chiamare, utilizzando l’account VoIP 3, il numero 335-1234567 che invece sarebbe instradato sull’account VoIP 2 in base alla regola 13, sarà  sufficiente digitare sul telefono 93351234567.
Il router utilizza la regola 2 perchè il numero digitato inizia per 9 (Prefix Number = 9), dal numero digitato elimina (Mode=Strip) il primo 9 che incontra (OP Number=9) e poi compone le restanti cifre (3351234567) instradando la chiamata tramite l’account VoIP 3.

Una volta capito il meccanismo è facile impostare le regole che meglio soddisfano le proprie esigenze, avendo a disposizione la possibilità di indicarne 20.

Altre feature come Phone Book (che consente di memorizzare un elenco di speed dial a cui far corrispondere i numeri chiamati con maggiore frequenza), Call Barring (una sorta di blacklist di numeri telefonici da cui non si desidera ricevere telefonate), aumentano esponenzialmente la versatilità della gestione del VoIP di questo magnifico router.

Spero possa essere d’aiuto per qualcuno.

Buon VoIP a tutti. 😉

Technorati Tag: VoIP,guide,,Draytek,,,SIP

Articoli simili:

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: