Privacy Policy

Ricerca in FOLBlog

Varie

Eh, non si fa!

 Scritto da alle 11:03 del 20/09/2007  6 Risposte »
Set 202007
 

Scusate, ma dopo aver letto questo articolo su Punto Informatico, non ho proprio resistito!
Riporto testualmente l’inizio:

Sbloccare iPhone per renderlo utilizzabile con qualsiasi operatore è diventata una sorta di moda tra gli smanettoni, con tool e istruzioni che hanno fatto il giro della rete, ma il CEO di Apple, Steve Jobs, ha fatto sapere che non durerà.
….”

Capito?
Non si tratta del disperato tentativo, messo in atto dai possessori di un iPhone, di risolvere un problema oggettivo (l’impossibilità di scegliere con che operatore usare l’iPhone, di cui ho già parlato), ma di una “moda”, una sorta di malcostume, di cattiva abitudine, come quella di farsi le pippe in bagno: non si fa! E’ peccato!

Il seguito dell’articolo è ancora più esilarante.

P.S. 1
Scommettiamo che “la moda” durerà, almeno finchè Apple impedirà la scelta dell’operatore di telefonia?

P.S. 2
Ma che succede a Punto Informatico?

Proposta: network anti troll

 Scritto da alle 19:57 del 18/09/2007  20 Risposte »
Set 182007
 


Nel Blog Ad Ovest di Paperino, ho avanzato una proposta: istituire tra blogger una sorta di network di post, “trasversale” ai blog di chi vuol parteciparvi.
L’idea nasce dalla constatazione che è quasi impossibile trattare certi argomenti senza che le discussioni sfocino in guerre di religione, con sarcasmi fuori luogo ed idiozie di ogni tipo fino ad arrivare a offese ed insulti.
Il mio vorrebbe essere un tantativo di arginare gli istinti dei troll.

Più precisamente in cosa consiste l’idea?
Mi piacerebbe che i blogger che aderiscono all’iniziativa, portino la loro esperienza diretta nelle discussioni relative agli argomenti che specifico più in basso, attenendosi nei loro post e nei loro commenti, ad un codice di regolamento da decidere insieme.
Il post che tratta argomenti relativi al network, deve essere riconoscibile; modi per farlo ce n’è tanti: ad esempio si potrebbe far precedere il titolo del post con un prefisso chiuso tra […], e/o creare una categoria ad hoc, ecc.

Lo scopo è quello di riuscire a discutere di certi argomenti pacatamente, nel tentativo di capire, di imparare attraverso l’esperienza altrui che viene in questo modo condivisa tra i partecipanti, e non quello di fare “proseliti”.
Gli argomenti che mi piacerebbe trattare sono:

1) Linux, quale distribuzione? A chi è adatta? Cosa c’è da migliorare? Costi occulti?
2) Linux (distribuzione desktop)  vs. Windows Vista vs. MacOSX. Pregi e difetti, pro e contro. Target,
3) MAC vs. PC. Il costo vale la candela? Perchè scegliere uno o l’altro? Vantaggi e svantaggi. target.
4) Microsoft, Apple, Google: politiche commerciali e customer care a confronto.
5) Opensource vs. software proprietatio. Opportunità e rischi, vantaggi e svantaggi.
6) Tecnologie innovative: cosa si intravede all’orizzonte? Quali i possibili sviluppi? Quale l’impatto?

L’approccio che mi piacerebbe adottasse ognuno dei partecipanti è quello tipico di una comunità di ricercatori; si parla non per sentito dire, ma solo di cose di cui si è avuta esperienza diretta, cercando di mettere in evidenza aspetti oggettivi e tentando di tenere i propri gusti personali il più possibile in secondo piano.

L’idea èad uno stato ancora embrionale. Ogni contributo o integrazione è il benvenuto.
Occorre trovare un nome al network, magari un logo, un motto, stabilire tutta una serie di cose…insomma…c’è molto da fare.
Mi rendo conto che, a dare un’occhiata in rete, l’impresa appare quasi impossibile ma spero di trovare anche altre persone che, come me, vogliano almeno tentarci lo stesso.

Che ve ne pare?

Mouse+calcolatrice=calcolouse?

 Scritto da alle 11:25 del 01/08/2007  Nessuna risposta »
Ago 012007
 

E’ una calcolatrice che funziona anche come mouse USB.
Anzi, no. E’ un mouse USB che funziona anche come calcolatrice.
Anzi, no. E’ un “calcolouse“, un ibrido tra calcolatricee mouse…insomma una sorta di gadget OGM...
Insomma, fate voi!
Se ritenete possa esservi utile, questo gadget della Lexibook può essere acquistato per circa € 30,00.
Sarà l’estate, sarà la stanchezza e la voglia di vacanze ma gli spunti per post interessanti sembrano essersi ridotti di parecchio.
Si nota?