Privacy Policy

Ricerca in FOLBlog

Software

Perchè Linux non decolla?

 Scritto da alle 15:28 del 11/06/2007  9 Risposte »
Giu 112007
 

Prendo spunto da una dettagliata comparazione tra il kernel, il “cuore” di un sistema operativo, di Linux e quello di Windows Vista, pubblicata su Widefox, per una riflessione sulle cause della relativamente “scarsa” adozione di Linux sui PC desktop di larga diffusione.

La comparazione evidenzia impietosamente la superiorità di Linux nei confronti di Vista, che rappresenta il sistema operativo più evoluto di Microsoft.

Il marketing di BigM ha puntato tantissimo su Aero, la rinnovata interfaccia grafica di Vista, ma anche in quel campo Beryl per Linux la surclassa nettamente. Su Youtube si trova un video in cui la cosa viene dimostrata nettamente, aldilà di ciò che potrebbe ricadere nella sfera dei gusti personali. Personalmente non ritengo troppo corretto il confronto tra Aero e Beryl (in quanto quest’ultima non fa parte del sistema operativo Linux ma è un addon); riterrei quindi opportuno il confronto dopo che in Windows venisse installato Yod’m 3D (un desktop manager 3D per Windows XP/Vista, simile a Beryl); in ogni caso, a mio parere, Beryl resta superiore.

Ultima considerazione, non da poco: Linux è gratis, Windows no!

Ma allora perchè Windows riscuote un tale, ingiustificato (per chi usa felicemente Linux) successo mentre Linux, a distanza di tanti, troppi anni, continua ad essere una promessa, un prodotto di nicchia, senza riuscire a conquistare il grande pubblico, date le enormi potenzialità ed i suoi indiscutibili vantaggi? Perchè Linux continua a restare un sistema operativo amato soprattutto da ISP (che in coppia con Apache lo reputano, giustamente, una soluzione ideale) e “smanettoni”? Leggi il seguito »

Giu 102007
 

Pulsante Arresto del menu Stard di Vista

Come molti di voi avranno notato, il pulsante Arresto di Vista non spegne il computer ma attiva la modalità sospensione (standby).

Qualcuno, come me, potrebbe desiderare invece che, premendo quel pulsante Arresto, il PC venga spento completamente.

Per ottenere questo comportamento occorre modificare un’impostazione delle Opzioni risparmio Energia di Vista:

1) Aprite il Pannello di Controllo (Start->Pannello di controllo)

 

2) Selezionate la voce Sistema e Manutenzione

3) Nella schermata successiva individuate la sezione Opzioni risparmio energia e clikkate sulla voce Modifica impostazioni di sospensione del computer

4) Apparirà un’altra schermata in cui occorre clikkare sulla voce Cambia impostazioni avanzate risparmio energia

5) Nella finestra Opzioni risparmio energia scorrete l’elenco delle varie opzioni, fino a trovare la voce Pulsanti di alimentazione e coperchio; espandete il contenuto clikkando sul simbolo + accanto alla voce e verranno visualizzate tre sottovoci; espandete ora la voce Pulsante di alimentazione menu Start e modificate l’impostazione scegliendo dal menu a tendina l’opzione Arresta il sistema sostituendo l’impostazione di default (Sospensione).

Cambiare impostazione Pulsante arresto del menu Start

Premete OK e il gioco è fatto: ora il PC potrà essere spento premendo il pulsante di arresto del menu Start.

Giu 092007
 

Con Windows Vista è possibile utilizzare pen drive USB per incrementere le prestazioni. Questa tecnologia è chiamata ReadyBoost.

Le velocità di CPU e memoria hanno superato di gran lunga le velocità dei dischi rigidi, che rappresentano ormai il tipico collo di bottiglia per le prestazioni del sistema. L’accesso casuale ai dati contenuti nei dischi è molto dispendioso perché i tempi di ricerca delle testine dei dischi sono nell’ordine di 10 millisecondi, un’eternità per i processori odierni. La RAM è una cache ideale per i dati del disco, ma è piuttosto costosa. La memoria flash, tuttavia, è in genere più economica e consente di eseguire letture casuali con una velocità fino a 10 volte maggiore rispetto a un disco rigido standard. La funzionalità ReadyBoost di Windows Vista, sfrutta i vantaggi dei dispositivi di archiviazione con memoria flash creando uno livello di cache intermedio che risiede logicamente tra memoria e dischi.

Quando si inserisce un dispositivo flash come una chiave USB in un sistema, il servizio ReadyBoost esamina il dispositivo per determinarne le prestazioni e memorizza i risultati del test in una chiave del registro di configurazione di Windows.

Se il nuovo dispositivo ha una capacità compresa tra 256 MB e 32 GB, ha una velocità di trasferimento di almeno 2,5 MB/s per letture casuali di 4 KB, ed ha una velocità di trasferimento dei dati di almeno 1,75 MB/s per scritture casuali di 512 KB, ReadyBoost richiederà se si desidera dedicare una certà quantita di spazio sul Pen Drive (fino a 4 GB, limite dimpostato per la compatibilità con il file system FAT32) alla cache del disco. Se si accetta, il servizio creerà un file di cache denominato Readyboost.sfcache nella directory radice del dispositivo e chiederà a SuperFetch di popolare preliminarmente la cache in background.

Il test delle prestazioni del pen drive viene effettuato automaticamente da Windows Vista al momento in cui la memoria flash viene inserita la prima volta; se il pen drive ha le caratteristiche richieste

Dopo che il servizio ReadyBoost ha inizializzato la cache, il driver del dispositivo Ecache.sys intercetta tutte le letture e scritture dei dischi rigidi locali (C:\, ad esempio) e copia i dati in scrittura nel file di cache creato dal servizio. Ecache.sys comprime i dati raggiungendo in genere un rapporto di compressione di 2:1, in modo che il file di cache di 4 GB contenga fino a 8 GB di dati. Il driver crittografa ciascun blocco che scrive utilizzando lo standard AES (Advanced Encryption Standard) con una chiave di sessione generata casualmente a ogni avvio, per garantire la privacy dei dati memorizzati nella cache quando il dispositivo viene rimosso dal sistema.

Quando ReadyBoost rileva letture casuali che possono essere soddisfatte dalla cache, utilizza quest’ultima per l’operazione ma, poiché i dischi rigidi garantiscono prestazioni migliori rispetto alle memorie flash nelle letture sequenziali, consente alle letture che fanno parte di modelli sequenziali di accedere direttamente ai dischi, anche se i dati sono presenti nella cache.

Giu 082007
 

Ci sono reali benefici prestazionali derivanti dall’incremento della RAM su PC dotati di Windows Vista o XP?

Certamente si, soprattutto con Vista, che è in grado di sfruttare al meglio tutta la RAM installata.

Infatti, anche Winows XP è in grado di “vedere” oltre 3GB di RAM e, come la versione 32-bit di Vista, supporta qualcosa noto come PAE (physical address extension), che consente alle applicazioni scritte per PAE di usare più di 2GB di memoria.

Ma Vista è in grado di sfruttare meglio la RAM installata sui PC: la ragione è il SuperFetch, la tecnologia di smart caching inclusa in Vista. SuperFetch utilizza efficacemente l’eccesso di RAM per incrementare la velocità di accesso al disco fisso, tenendo in memoria una copia dei dati a cui l’accesso è effettuato con maggior frequenza.

Ecco perchè instalalre più di 2GB di RAM comporta maggiori benefici con Vista rispetto a Windows XP.

Proteggere i documenti con Word 2007

 Scritto da alle 07:27 del 08/06/2007  Nessuna risposta »
Giu 082007
 

E’ possibile proteggere documenti Word riservati crittografandoli e impostando una password.

Questa funzione è molto utile se si devono salvare dei documenti in una cartella condivisa, accessibile a diverse persone, ma si vuole mantenere riservato il contenuto di tali documenti.

Per crittografare un documento, occorre clickare sul pulsante Microsoft Office, nell’angolo in alto a sinistra della finestra di Wiord 2007, selezionare Prepara dal menù di sinistra e poi la voce Crittografa documento.

Comparirà una finestra in cui occorre inserire una password per criptare il documento.

La password va poi confermata inserendola anche nella successiva finestra di Conferma password.

Premendo OK la finestra scompare ed il documento sarà crittografato.

Di default Word 2007 salverà il documento con una crittografia avanzata a 128bit. Quando si tenta di aprire un documento crittografato, verrà richiesta la password.