Ricerca in FOLBlog

opensource

Gen 272013
 

ToPDF-A

Per l’invio di pratiche telematiche alla Camera di Commercio, è richiesto che i documenti rispettino il formato previsto dal D.P.C.M. del 10/12/2008, art. 6 comma 3, cioè siano in formato PDF/A.

PDF/A è uno standard internazionale (ISO19005), sottoinsieme dello standard PDF, appositamente pensato per l’archiviazione nel lungo periodo di documenti elettronici.
Garantisce che il documento sia visualizzabile sempre allo stesso modo, anche a distanza di tempo e con programmi software diversi.
Infatti, PDF/A contiene le sole informazioni necessarie per visualizzare il documento come nel momento in cui è stato creato.
Tutto il contenuto visibile del documento deve essere incluso, come il testo, le immagini, vettori grafici, fonts, colori e altro.
Un documento PDF/A non può contenere macro-istruzioni o riferimenti ad elementi od informazioni (come i font) non contenuti nel file stesso.

Lo standard PDF/A-1, l’unico ad oggi approvato, è suddiviso in vari livelli tra i quali:

  • PDF/A-1a= massimo richiesto dallo standard
  • PDF/A-1b= minimo richiesto dallo standard (incluso nel PDF/A-1a)

PDF Creator, il popolare programma gratuito per la creazione di file PDF, include l’opzione per creare i file nel formato PDF/A-1b.
Lanciato il programma, occorre selezionare la voce Opzioni del menù Stampante
image

Selezionare la sezione Salvataggio e scegliere il formato PDF/A-1b come formato predefinito del documento
image

Alcune Camere di Commercio richiedono però che i documenti allegati siano in formato PDF/A-1a, che offre maggiori garanzie.

Esistono vari programmi commerciali, non gratuiti, in grado di generare i PDF nel formato richiesto.

Fortunatamente è possibile ottenere il medesimo risultato anche utilizzando programmi gratuiti, come OpenOffice o LibreOffice.

 

Per creare PDF/A-1a con OpenOffice (ma le indicazioni solo valide anche per LibreOffice) seguire queste istruzioni:

 

CRERARE PDF/A-1a con OpenOffice o LibreOffice (gratuito)

Scarichiamo e installiamo quindi OpenOffice o LibreOffice (tale suite potrebbe sostituire Office di Microsoft senza spese aggiuntive in quanto la licenza è gratuita).

Una volta installato il programma procediamo con l’apertura del componente “Writer” (o selezionando Documento di testo all’avvio)”.
image
image

Dal menu file selezioniamo la voce apri e selezioniamo il file che desideriamo convertire nel formato PDF/A.

Clicchiamo su file e dal menu selezioniamo la voce “Esporta nel formato PDF” (le schermate sono praticamente identiche nei due programmi)
PDFA-OO01

Nella finestra “Opzioni PDF” spuntiamo la voce PDF/A-1a presente nella sezione “Generale”PDFA-OO02

Il documento così salvato (con estensione .pdf) sarà in formato PDF/A-1a 

Se invece occorre convertire in PDF/A un file già in formato PDF (normale), occorre esportarlo come indicato sopra dopo averlo aperto utilizzando il modulo “Draw” (o scegliendo Disegno nella schermata di avvio)

image
image

VERIFICARE UN FILE PDF

Purtroppo non esistono al momento software gratuiti per verificare il tipo di PDF.

Telemaco mette gratuitamente a disposizione dei propri utenti un servizio di verifica dei file PDF.
Effettuato l’accesso occorre andare nella sezione Sportello Pratiche Online, scegliere
Strumenti Software e poi Strumenti online e selezionare il file il cui formato si desidera verificare.
image

Purtroppo, la procedura verifica solo che il file sia compatibile con PDF/A-1b, ma nulla dice riguardo al formato PDF/A-1a.
 

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Dic 292009
 

Iron Chrome

Se si tenta di installare qualche estensione per Chrome in Iron, progetto opensource basato interamente sul browser by Google, l’operazione risulta impossibile perchè un controllo di compatibilità impostato sull’apposita pagina ufficiale segnala il mancato supporto al browser Iron.

Esiste un modo per “ingannare” l’applicazione web che effettua il controllo sul browser utilizzato, creando un apposito file .ini in cui verranno memorizzate le informazioni relative all’identificazione browser utilizzato dall’utente.

Si tratta di creare un file di testo, denominarlo UA.ini e posizionarlo all’interno della cartella di installazione di Iron (tipicamente C:\Programmi\SRWare Iron).
All’interno del file occorre copiare la seguente stringa:

Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 6.1; it-IT) AppleWebKit/532.5 (KHTML, like Gecko) Chrome/4.0.249.25 Safari/532.5

Dopo aver creato il file UA.ini, Iron verrà riconosciuto come Chrome e sarà possibile installare le estensioni desiderate esattamente come avviene con Google Chrome.

Technorati Tag: ,,estensioni,howto
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Giu 262009
 

VirtualBox
In attesa venga rilasciata ufficialmente la versione 3.0 di VirtualBox è possibile scaricare la versione 3.0beta 2.

La novità più interessante ed attesa è certamente il supporto a Direct3D 8/9 e OpenGL 2.0 per guest Windows, Linux e Solaris.

Purtroppo l’instabilità della versione beta si fa sentire proprio in quel settore.
Dopo aver aggiornato VirtualBox alla versione 3.0beta2, infatti, tentare di installare la versione aggiornata dell’utility VirtualBox Guest Additions, ha comportato l’impossibilità di visualizzare correttamente l’interfaccia grafica della macchina virtuale Linux in cui ho tentato l’operazione.
Ecco come si presenta la schermata di logon di Ubuntu 9.04 (idem per Linux Mint 6 e 7):

Lo stesso problema si ha anche creando ex-novo la macchina virtuale, fatto che segnala che il problema sarebbe legato alla versione 3.0 Beta2 dei VirtualBox Guest Additions e non al loro aggiornamento.
Perciò dopo aver creato la macchina virtuale, occorrerà installare la versione 2.2.4 dell’utility, che invece funziona regolarmente, anche se non permette di sfruttare tutte le novità introdotte con la versione 3 di VirtualBox.

Per installare questa versione di  VirtualBox Guest Additions, anziché utilizzare l’apposito comando “Installa Guest Additions…”, occorrerà montare l’immagine ISO all’interno della macchina virtuale e poi eseguire dall’unità così montata l’apposito installer.
Con Linux 32bit, ad esempio, è necessario eseguire in una finestra terminale il comando
sudo /media/cdrom/VboxLinuxAdditions-x86.run
Mounting immagine ISO

Non ho ancora verificato se lo stesso problema si verifica con anche con macchine virtuali in cui è installato Windows e/o se sia legato al fatto che eseguo VirtualBox sotto Windows 7 RC 64bit.

Il mio consiglio è quello di provare ad aggiornare VirtualBox Guest Additions dopo aver realizzato un’istantanea della macchina virtuale.

In questo modo sarà sempre possibile tornare alla situazione precedente.

Technorati Tag: ,,beta,,howto,Linux
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Aggiornamenti importanti

 Scritto da alle 23:15 del 28/04/2009  1 Risposta »
Apr 282009
 

Aggiornamenti

Vi segnalo due aggiornamenti importanti.

  1. VirtualBox 2.2.2 che corregge alcuni bug emersi nella recente versione 2.2.0 rilasciata l’8 Aprile 2009 (soprattutto quello relativo all’impostazione della scheda di rete in bridging); qui il download per Windows.
  2. SP2 per Windows Vista: è necessario installare i seguenti aggiornamenti per Vista 32bit o per Vista 64bit per essere in grado di ricevere quelli relativi all’ultimo Service Pack.
Technorati Tag: ,Vista,,aggiornamenti
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

FreePOPs e posta Alice

 Scritto da alle 07:31 del 15/04/2009  22 Risposte »
Apr 152009
 


Chiunque tenti di utilizzare un account di posta Alice con il proprio client di posta collegandosi ad Internet con un provider diverso da Telecom, avrà sperimentato l’impossibilità di scaricare la posta.

Stavolta HTML2POP3, l’utility di Matteo Baccan, non aiuta.
Ma per fortuna FreePOPs consente di adottare una contromisura che ci permette di risolvere il problema.

Sono sufficienti 2 semplici operazioni:

  • Occorre scaricare l’ultima versione del LUA per Alice e salvarla nella cartella ../FreePOPs/LUA
  • Bisogna modificare (con un editor tipo Notepad o Wordpad) il file CONFIG.LUA che si trova nella cartella ../FreePOPs/ in questo modo:
    cercare l’area in cui si trova questo testo
    freepops.MODULES_MAP[“alice.it”] = { name=”tin.lua“, args={folder=”INBOX”} }
    e modificarlo in questo modo:
    freepops.MODULES_MAP[“alice.it”] = { name=”alice.lua“, args={folder=”INBOX”} }

E’ tutto.

Technorati Tag: ,,FreePOPs,,howto
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Open source hardware

 Scritto da alle 14:45 del 24/02/2009  7 Risposte »
Feb 242009
 

Vi consiglio caldamente la lettura di questo interessante articolo di Wired, che parla del fenomeno dell’open source hardware, ed in particolare di Arduino, una scheda che va per la maggiore fra i costruttori di gadget fai-da-te; mi ha fatto mettere a fuoco parecchie cose.

Ammetto di aver sottovalutato fino ad ora il fenomeno dell’open source hardware ed inizio col dire che ci ho visto la concretizzazione, la materializzazione di molti concetti e dubbi che ho espresso sull’open source software.

L’open source hardware, arrivato molto dopo il tanto chiacchierato open source software, sembra avere un ruolo più definito; pur essendo relativamente una novità, sembra molto più maturo ed i suoi pregi ed i suoi limiti appaiono molto più chiari ed evidenti, anche a chi opera nel settore specifico.

La differenza sostanziale sta nel fatto che per produrre hardware open source occorre in ogni caso un investimento iniziale, più o meno cospicuo.
Per realizzare copie di un software opensource spesso non occorre alcun investimento iniziale aggiuntivo, l’operazione è priva di rischi finanziari e, in pratica, alla portata di tutti.
Questo fatto fondamentale, a mio parere, è l’origine di tutte le differenze.

Il pregio maggiore dell’open source in campo hardware è che costringe i produttori a immediate economie di scala: se il prodotto in vendita ha un prezzo troppo alto, ed il suo costo di produzione è basso, solitamente il reverse engineering risulta molto semplice (molto più semplice, spesso, dell’analoga procedura in ambito software) ed è assai probabile vedere la nascita di cloni a prezzi concorrenziali.
Nell’articolo vien fatto l’esempio di un sensore utilizzato nei musei per monitorare l’umidità e la temperatura delle loro sale, venduto ad un prezzo esagerato.
Ma la storia è piena di esempi simili, dai cloni dei personal computer IBM, agli attuali cloni di iPhone e computer Apple: insomma quando il prezzo di un prodotto è esagerato rispetto al costo di produzione, appare immediatamente conveniente tentare di realizzarne delle copie da vendere a prezzi nettamente inferiori pur continuando a realizzare guadagni decenti.

La stessa operazione invece perde di interesse se il prezzo di vendita del prodotto ingloba un giusto guadagno per il produttore; ed in questo caso definire giusto il guadagno è semplicissimo: deve essere tale da rendere poco conveniente la realizzazione di copie.
Questo meccanismo funzionerebbe soprattutto in virtù degli investimenti necessari per produrre qualcosa di fisico come un prodotto elettronico. In sostanza l’operazione è rischiosa (si spende per produrre ma non si sa se si venderà) e perciò non sempre conviene avventurarcisi.
Ecco perchè sostengo che il modello open source applicato all’hardware avrebbe certamente effetti positivi e costringerebbe tutti i produttori a vendere al prezzo più basso possibile e/o ad incrementare costantemente la qualità del proprio prodotto.
L’autore dell’articolo parla di cambio radicale di mentalità necessaria nei produttori:

Niente più guadagni facili basati sulla proprietà intellettuale. Dovrà offrire un prodotto o un servizio migliore, oppure rischierà di uscire in fretta dal mercato.

In sostanza produrrebbe un certo prodotto chi risulta in grado di con il più alto il rapporto qualità/prezzo.

Questo effetto positivo, in ambito software, praticamente non esiste: il prezzo più basso per un’applicazione è tendente a zero, dato che per produrre copie di un software non occorrono investimenti e non esiste alcun rischio imprenditoriale e finanziario a farlo.
Ciò “costringe” al massiccio ricorso al brevetto, perchè altrimenti nessuno investirebbe in ricerca sapendo che non potrà mai avere un ritorno economico per gli sforzi fatti.
Ecco perché i miei dubbi sull’open source software sono moltiplicati.

Ma allora perchè non applicare il modello open source hardware estensivamente, anche a prodotti come i motori o le automobili? La risposta è sempre nell’articolo:

Per superare i test, questi prodotti hanno bisogno di costose attrezzature, come gallerie del vento o laboratori per le prove di impatto. Cose che non può ottenere un gruppo di designer poco coordinati fra loro, e magari collegati a internet con i loro laptop mentre siedono in un bar.”

Ecco la materializzazione si uno di quei limiti che vedo nell’open source software attuale: in ambito industriale appare immediatamente chiaro che occorra un certo tipo di struttura e di organizzazione per realizzare oggetti altamente tecnologici o complessi; in ambito software, a parlare coi sostenitori dell’open source, sembra invece che questa banalissima legge non valga.
Libertà (ma da quel che è possibile osservare sarebbe meglio definirla anarchia) e capacità realizzativa, sono in trade off: quando un progetto è complesso, occorre che a lavorarci siano in tanti; ma senza coordinamento, senza una linea guida, senza una sintesi ed una selezione delle innumerevoli idee che inevitabilmente circolano in un team allargato, il risultato è quello attuale; si pensi all’indecifrabile cacofonia di distribuzioni Linux, nessuna delle quali risolve i problemi che impediscono all’ottimo e gratuito sistema operativo open source di diffondersi, ognuna che differisce dall’altra spesso per insignificanti inezie.

Mi pare poi vi sia una grande differenza nel come viene visto il contributo dell’utente: nell’ambiente open source software sembra a volte di percepire una certa insofferenza verso alcune richieste ed esigenze dell’utente, che con troppa frettolosità viene bollato come utOnto; inoltre, per via di ideologie diffuse e scarso grado di pragmatismo, mi pare di osservare una certa tendenza a rifiutare, a priori, soluzioni adottate da altri, anche quando queste si rivelano ottime.
Aleggia cioè quel che sembra un certo atteggiamento di superiorità, di supponenza che porta a sottovalutare (quando non a deridere) le richieste e le necessità dell’utente comune.
Per fortuna questa sensazione spesso si rivela infondata.

Nell’open source hardware invece, il ruolo dell’utente finale, mi sembra molto più centrale: è l’utente finale che guida lo sviluppo e l’evoluzione del prodotto; l’atteggiamento di imporre soluzioni avendo la pretesa di interpretare il volere dell’utente comune mi sembra molto più rarefatto.
Probabilmente, il dover assicurare un certo livello di successo al prodotto che si mette in produzione, impone una maggiore attenzione alle richieste del potenziale utente, dato che un insuccesso si trasforma matematicamente in un perdita di denaro.

L’articolo ai miei occhi ha anche il pregio di alzare il velo su quale sia lo scopo principale di chi, avendo inventato qualcosa, anzichè brevettarla la rende disponibile per chiunque con la modalità dell’open source.
Bandite le ideologie a corrente alternata, le crociate contro questo o quel demone, in difesa di una malintesa libertà, c’è chi lo fa per puro spirito umanitario (avendo evidentemente possibilità di reperire altrove e in altro modo le risorse per vivere) e chi invece, con molta meno ipocrisia dei suoi omologhi in ambito software, ammette candidamente che il vero scopo è quello di vendere, in seguito, consulenze alle aziende che poi si faranno carico di produrre l’oggetto ideato o sue varianti ed applicazioni.

Conclusioni: l’ambiente open source hardware mi sembra meno isterico, regolato in misura maggiore dal semplice buon senso, non esasperato da controproducenti ideologie e guidato da ambizioni possibili e non da utopie quasi irrealizzabili.
A mio parere, in questo modo pacato e ragionevole, è molto più probabile ottenere quei benefici che tutti i partecipanti auspicano.
Forse l’assenza di odio viscerale nei confronti di un produttore (come invece accade in ambito software, segnato da “guerre di religione”) consente di agire sulla base di sani principi, pragmatismo e ragionamenti logici, in grado di avere maggior successo delle azioni che si intraprendono contro qualcuno.
Troppo spesso la mia sensazione è quella che open source, standard et similia siano più uno strumento usato contro questa o quella fazione/azienda anzichè il tentativo di dare risposta alle esigenze manifestate dagli utenti.
La radicalizzazione del pensiero, insomma, non mi pare porti buoni frutti.

Technorati Tag: ,,cogito ergo sum
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS