Privacy Policy

Ricerca in FOLBlog

Ahi ahi ahi, Microsoft che fai?

 Scritto da alle 17:58 del 29/02/2008  Aggiungi commenti
Feb 292008
 

Calvin_perplesso La vicenda dell’eccessiva generosità dimostrata da Microsoft nell’accordare il logo Windows Vista Capable ad hardware che di “capable” aveva poco, sta prendendo una brutta piega per l’azienda di Redmond.

Un gruppo di utenti ha promosso una class action contro Microsoft, accusata di aver avuto un comportamento fraudolento nei confronti dei potenziali clienti di alcuni prodotti, in quanto avrebbe permesso di contrassegnare con il logo della discordia prodotti palesemente inadeguati per Windows Vista.

Seattlepi pubblica uno scambio di email interne tra esponenti della Microsoft, dalle quali emergerebbe che i requisiti minimi necessari perchè l’hardware potesse essere definito Windows Vista Capable, sono stati opportunamente ridotti in modo che il chipset Intel 915 potesse fregiarsi del logo, con riflessi positivi sui dati quadrimestrali del bilancio Intel.

Se le email dovessero confermarsi autentiche e le accuse dimostrate, l’episodio sarebbe gravissimo, oltre che per la vicenda in se, anche perchè darebbe ossigeno a tutte quelle dietrologie che da sempre galleggiano a cavallo di quella zona grigia che separa le notizie dalle leggende metropolitane.

Technorati Tag: Microsoft,Vista,class action

Articoli simili:

  11 Risposte a “Ahi ahi ahi, Microsoft che fai?”

Commenti (9) Pingbacks (2)
  1. Usando Safari Safari 523.15 con Mac OS Mac OS

    Al momento io e qualche amico utilizziamo Windows Vista Business su notebook dotati di Intel M915 e sinceramente non vedo nessun problema. Direi che è ben oltre “Windows Vista Capable”!

  2. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 2.0.0.12 con Windows Windows Vista

    @sirus
    Il punto importante purtroppo credo non sia il fatto che poi, effettivamente, l’hardware sia in grado di far girare Vista in modo decente oppure no.
    Il brutto colpo per Microsoft, a mio parere, verrebbe dal fatto che verrebbe comprovata una sorta di “sinergia” tra Microsoft e Intel, “accusa” da sempre mossa da chi biasima la posizione dominante sia di Microsoft che di Intel che, se si muovono insieme, sarebbero potenzialmente in grado di fare sfracelli ma sembrerebbe confermare anche le lamentele di alcuni partner Microsoft “non privilegiati”, per così dire.

  3. Usando Internet Explorer Internet Explorer 7.0 con Windows Windows Vista

    Se da un lato emerge che la pressione di Intel ha fatto modificare a Microsoft una posizione iniziale che era giusta per il cliente finale, dall’altro mostra anche che Microsoft ha poi almeno internamente preso decisioni giuste rimuovendo molti dei responsabili di questa scelta e in primi il capo del gruppo di Windows.
    Comunque che la campagna con i due loghi Vista Capable e Vista Ready fosse fonte di confusione era evidente, e tutto sommato mi auguro che Microsoft perda la causa cosi’ che almeno venga imparata la lezione non solo da Microsoft ma da tutta l’industria che ci gira attorno.

  4. Usando Safari Safari 523.15 con Mac OS Mac OS

    Che ci sia un certo “reciproco beneficio” dagli accordi (non pubblici) in essere tra Microsoft ed Intel credo sia risaputo ed anche normale considerando come funziona il mercato.
    Tralasciando la questione “legale”, tecnicamente l’inclusione del chipset Intel 915 è ineccepibile considerando che Windows Vista non ha nessun problema se utilizzato su una piattaforma simile (e lo si può utilizzare anche con piattaforme inferiori, il mio VIA PT880 lo sa bene).
    Rimango dell’idea che questa “richiesta” di Intel esaudita da Microsoft non ha nulla di scandaloso.

    Non ho mai capito perché Microsoft avesse voluto introdurre 2 loghi per approvare la compatibilità di Windows Vista quando effettivamente non ci sono differenze rilevanti.

  5. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 2.0.0.12 con Windows Windows Vista

    @sirus
    Chi vede un rischio nelle posizioni dominanti di certe aziende, mette sotto accusa proprio questo “reciproco beneficio” di cui parli, che non deriva da leggi di mercato improntate al liberismo, ma da accordi sottobanco possibili in virtù della propria posizione dominante sul mercato (una sorta di “cartello”, da sempre avversata dalle istituzioni antitrust).
    Potrebbe essere vero che in realtà la vicenda non rappresenta niente di scandaloso, nessun attacco alla libertà di mercato ma, secondo me, sarà sfruttata per ringalluzzire le proteste di chi da sempre attacca Microsoft su questo versante.

    Ti faccio un esempio per farmi capire: da sempre in Italia circolava la voce che la Juve comprava gli arbitri; le classiche chiacchiere da bar, leggende metropolitane.
    La vicenda di calciopoli, pur non dimostrando niente da questo punto di vista (da quel che ho capito, se non sbaglio, Moggi -sbagliando, sia chiaro- si assicurava di essere arbitrato da arbitri capaci in maniera da ridurre il rischio di perdere partite a causa dell’inettitudine dell’arbitro) ha funzionato come una prova del fondamento di queste voci.
    Il fatto che ora accada che sia l’Inter a beneficiare, apparentemente, del favore degli arbitri non ha fatto placare le chiacchiere, ma solo cambiare il destinatario delle contumelie (prima Juve ora Inter).
    Ciò che voglio dire, è che la vicenda, puo’ essere strumentalmente utilizzata contro Microsoft per trovare dimostrazione di cose anche dove non ce n’è.
    E mi pare che Microsoft non abbia certo bisogno di queste cose.
    Se guardi in giro c’è già chi nelle email ci legge la conferma che anche alla Microsoft pensano che Vista faccia schifo o abbia problemi.

  6. Usando Safari Safari 523.15 con Mac OS Mac OS

    @ Enrico
    Ho capito quello che vuoi dire, sono ben conscio che situazioni come queste potrebbero essere utilizzate contro Microsoft ed Intel.
    Quello che ho voluto dire con il mio post, molto probabilmente esprimendomi male, è che: personalmente, non mi interessa molto se Microsoft ed Intel fanno comunella finché le scelte che comportano dei vantaggi per entrambe vanno a vantaggio mio e sono anche tecnicamente sostenibili e corrette.

    Esempio, se avessero detto: per far girare Windows Vista ci vuole un Core 2 Duo altrimenti non se ne fa nulla (giusto per far guadagnare un po’ Intel) mi sarei un po’ alterato ma in questo caso si è allargata la compatibilità verso prodotti precedenti, insomma una cosa che all’utente dovrebbe far piacere.

    PS: meglio che lasciamo fuori il calcio perché altrimenti scoppia il flame (tifo Milan) e sinceramente sono convinto che tra Milan e Juventus ne abbiano fatte di cotte e di crude (tipo la dirigenza del Milan che si “accorda” con quella dell’Udinese per pareggiare l’ultima di campionato, oppure Moggi che consiglia ad un arbitro di far pareggiare un Milan in rimonta sulla Juventus – con rete ingiustamente annullata al Milan)…

  7. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 2.0.0.12 con Windows Windows XP

    vediamo di chiarire le 2 questioni analizzate nel post in termini giuridici…partiamo dal calcio…
    la juventus è stata condannata alla serie b e moggi radiato dal GIUDICE SPORTIVO sulla base di questo assunto: moggi avrebbe corrotto degli arbitri per agevolare il cammino della Juventus…purtroppo non esiste nessuna traccia del corpo del reato in quanto nulla è mai stato pagato ma la cosa più assurda è che è stata creata la nuova figura della corruzione con corruttore ma senza corrotti in quanto tutti gli arbitri indagati per i presunti rapporti con moggi sono stati assolti PER NON AVER COMMESSO IL FATTO e REINTEGRATI A PIENO TITOLO COME ARBITRI DI SERIE A…purtoppo trattavasi di processo sportivo dove non si seguono le regole del codice penale ma quelle umorali dell’opportunità mediatica( leggi trova un colpevole a tutti i costi possibilmente il piu antipatico ed inviso alla gente)…
    le cose purtoppo stanno così:
    un certo petroliere ( onesto cittadino conosciuto per averci fregato per 20 anni i contributi del Cip 6 e proprietario delle petrolchimiche piu inquinanti e tumorali d’italia) presidente di un povera squadra nella quale aveva investito almeno un centinaio di milioni di euro per anno negli ultimi 20 anni tutti regolarmente rubati dalla nostra bolletta enel tramite il suddetto cip 6 su fonti rinnovabili “ed assimilate”da lui “onestamente” ottenuto in una delle tante “oneste” finanziarie,stanco dopo tanti anni di fallimenti sportivi ha deciso di dare incarico al suo più fidato azionista tale…maggior azionista pirelli nonchè allora presidente TIM e TELECOM (e qui stà il segreto) di risolvere il problema insuccessi sportivi…
    tale onesto cittadino (che credo che in italia sia secondo solo ad un certo silvio per numero di procedimenti penali per corruzione e traffici illeciti contro)decise di sfruttare la tipica prassi di TUTTE LE SOCIETA’ DI CALCIO di cercare di avere assegnati gli arbitri considerati meno pericolosi;usando i potenti mezzi di chi è monopolista di fatto di tutte le telecomunicazioni ha finemente selezionato tutte le telefonate di tutti i direttori sportivi delle squadre che consideravano possibili avversari nella corsa allo scudetto o scomode in federcalcio…stranamente nessuna telefonata risultò a carico della squadra del petroliere pur essendo questa l’unica ad avere ISTITUZIONALIZZATO la figura del dirigente addetto alle relazioni con gli arbitri( forse a quel dirigente non davano le ricariche gratis…)
    il resto è storia… quella squadra ebbe uno scudetto subito in dono ,un altro lo vinse perchè tutti gli altri furono penalizzati e li terzo lo vincerà con solo qualche decina di spudorati favori arbitrali….a buoni intenditori poche parole…
    ogni riferimento a personaggi noti o famosi è puramente casuale…
    QUELLA SU DESCRITTA é UNA TECNICA PER ELIMINARE POSSIBILI CONCORRENTI DAL MERCATO ed è applicabile pari pari al caso INTEL MICROSOFT piu consono agli argomenti di solito trattati da questo bel forum.
    In termini giuridici in questo caso si puo parlare ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE e di illecite attività tese alla eliminazione dei concorrenti dal mercato punite da tutte le legislazioni antitrust dell’occidente…è inutile prendere posizione sulla diatriba vista capable o meno vista la enorme sequela di multe e procedure di infrazione delle regole comminate alla wintel sia da parte della comunità europea che dagli enti federali americani che solo l’enorme stuolo di avvocati della nostra riesce a dilazionare nei ben conosciuti tempi biblici della giustizia ….non solo italiana nei casi dei potenti…
    voglio solo ricordare al signor Sirius che le leggi antitrust sono nate non a caso ma per difendere noi consumatori,infatti se pur nel breve termine queste politiche possono portare un piccolo vantaggio al consumatore nel lungo periodo nel momento in cui viene eliminato ogni competitore dal mercato il vincente potrà imporre il proprio prodotto ,anche il più scadente al prezzo che vorrà in barba ad ogni legge di mercato in quanto monopolista di fatto ed impedirà ad ogni nuovo competitore di entrare nel mercato…ma sembra che oggi la gente sia interessata solo all’oggi e di programmare per il futuro non fotta nulla …MEDITATE GENTE…MEDITATE

  8. Usando Safari Safari 523.15 con Mac OS Mac OS

    Per quanto mi riguarda questo tuo articolo, Enrico, non fa che aumentare la mia ira verso una megamultinazionale, con enormi potenziali ma secondo me sfruttati al 50%, si perdono permettimi di dirlo in “stronz..te” . Al tempo dissi se ben ricordi in un tuo post, che Vista lo vedevo “pesante” , con 10 (si fa per dire) versioni che confondono l’utente, con “loghi” capable o ready che ora si dimostrano “cazzate” ed anche quelli confondevano l’utente. Leggo su computerworld dei ribassi di Vista http://www.computerworld.com/action/article.do?command=viewArticleBasic&articleId=9065960&intsrc=hm_list (nella sezione EU in basso) ma nei supermercati ancora nulla, qui al mediaworld sempre 599 euro. Leggo anche di mail interne come dici tu che criticano Vista. Che palle!!! eheheh!!!

  9. Usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 2.0.0.12 con Windows Windows Vista

    @Franco
    Concordo.
    Ma farei attenzione a ritenere responsabile Microsoft della politica dei prezzi attuata da qualsiasi pinco pallino.
    A differenza di Apple (che critico perchè ostacola la libera concorrenza imponendo, di fatto, prezzi standard), Microsoft non ha un controllo così ferreo e serrato dei prezzi di vendita.
    Come forse hai notato i prezzi del listino Microsoft sono molto indicativi; sul mercato la realtà è diversa. Per fortuna, lo street price è spesso di molto inferiore al listino ufficiale.
    Ciò non toglie che ci siano anche aziende che vendono Vista a prezzi superiori.
    Sta al mercato (= a noi consumatori) bocciare questo modo di agire.

 Lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: