Ricerca in FOLBlog

dic 052015
 

Windows 10

 

 

 

 

 

 

 

La procedura di aggiornamento automatico di Windows 10 mi ha proposto l’installazione dell’aggiornamento cumulativo per Windows 10 versione 1511 (KB3116908).
L’aggiornamento è stato avviato ma non arrivava a conclusione a causa dell’errore 0x080070570.

Esiste una procedura apposita per reimpostare i componenti di Windows Update che risolve gran parte di questi problemi.
Ma non esiste la versione per Windows 10 e la versione per Windows 7 o 8.1 non viene eseguita.

Ho allora pensato di scaricare da me l’aggiornamento per poi installarlo senza passare per Windows Update.
Facile a dirsi, impossibile a farsi.
E’ impossibile accedere al Windows Update Catalog con un browser differente da Internet Explorer, compreso, con mia grande sorpresa Microsoft Edge!
Snap01

 

 

 

 

 

 

Ok. Clicco su Apri con Internet Explorer e…non succede nulla.
Se cerco Internet Explorer tra le app installate non lo trovo.
Ma se faccio una ricerca testuale, ecco il collegamento al programma che però non viene eseguito…

Se si clicca sul link “Continua in Microsoft Edge” si viene spediti ad una pagina che spiega che occorre recarsi presso l’area download:
Snap02

 

 

 

 

 

 

Ma una volta arrivati all’area download e si procede con la ricerca dell’aggiornamento da scaricare, si viene rimandati al punto di partenza rendendo la procedura un loop infinito:
Snap03

 

 

 

 

 

 

 

Soluzione:

Con una serie di ricerche su Google scopro una procedura che, eseguita, ha risolto il problema consentendomi di installare l’aggiornamento.

  1. Arrestare il servizio BITS ed il servizio Windows Update
    Click con il tasto destro su Start, scegliere la voce Prompt dei comandi (amministratore) e, una volta aperta la finestra digitare i seguenti comandi:
    net stop wuauserv
    net stop bits
  2. Rinominare la cartella Catroot2.
    Nella stessa finestra comandi, digitare:
    net stop cryptsvc
    ren %systemroot%\System32\Catroot2 oldcatroot2
    net start cryptsvc
  3. Rinominare la cartella “SoftwareDistribution”.
    sempre nella stessa finestra comandi digitare:
    ren %systemroot%\SoftwareDistribution %systemroot%\SoftwareDistribution.old
  4. Registrare le librerie utilizzate da   Windows Update e Microsoft Update.
    Sempre nella solita finestra comandi, digitare:
    regsvr32 wuapi.dll
    regsvr32 wuaueng1.dll
    regsvr32 wuaueng.dll
    regsvr32 wucltui.dll
    regsvr32 wups2.dll
    regsvr32 wups.dll
    regsvr32 wuweb.dll
  5. Avviare i servizi BITS, Windows Updare e Event Log.
    Digitare:
    net start bits
    net start wuauserv
    net start Eventlog

Alla fine digitare exit per chiudere la finestra prompt dei comandi.

Per le persone affette da patologie che impediscono loro una digitazione dei comandi con la tastiera, ho realizzato un file (Script.bat), che deve essere scaricato memorizzato in una cartella ed eseguito con diritti di amministratore (tasto destro sul nome del file e scegliere Esegui come amministratore).
Esegue i comandi elencati, nella giusta sequenza, chiedendo di tanto in tanto la pressione di un qualsiasi tasto per proseguire. Un tasto a caso, quello che preferite….

Buon aggiornamento.

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

[SdSM] Il Database “Magico”

 Scritto da alle 11:20 del 29/09/2015  Nessuna risposta »
set 292015
 
[SdSM] Il Database "Magico"

                    Un po‘ di tempo fa’ ho parlato di certa gente, che ad un certo punto ha deciso che il loro sistema di “test” costava troppo e non gli serviva perche‘ gia‘ facevano le prove sul loro sistema di sviluppo e quindi hanno deciso di dismetterlo, cosi‘ adesso fanno le prove sul loro sistema di produzione. Ora, se state pensando che tutto cio‘ non e’ molto giusto probabilmente avete ragione. Comunque sia, un paio di settimane addietro e’ arrivata la richiesta [Continua…]

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

IOS8, the day after…

 Scritto da alle 13:50 del 19/09/2014  Nessuna risposta »
set 192014
 
IOS8, the day after…

              Apple ancora una volta conferma costantemente la mia convinzione che, chi fa il pioniere con i suoi prodotti, casca malissimo ed è l’utente trattato peggio nonostante, essendo il più fedele/fidelizzato, meriterebbe tutt’altra attenzione. Mai, MAI gettarsi sull’ultima versione se non dopo aver lasciato che i soliti fedelissimi, un fenomeno sociale capito (generato?) da Jobs, si immolino per la causa.

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
lug 232014
 
[Risolto] Impossibile connettere account Skype con Trillian e Windows 8.1

Il problema: L’account Skype configurato in Trillian si connette e subito dopo si disconnette rimanendo offline. E’ un problema noto di compatibilità tra Windows 8.1, il programma Trillian e il plugin skypekit.exe.   Soluzione: Scaricare il plugin skypekit.exe fornito con la versione 5.2 di Trillian Se è in esecuzione, chiudere l’applicazione Trillian. Scompattare il file e copiare skypekit.exe nella cartella plugins, contenuta nella cartella in cui è installato Trillian (tipicamente C:\Program Files (x86)\Trillian\plugins). Cliccare con il tasto destro sul file skypekit.exe, selezionare la scheda Compatibilità, premere il pulsante Modifica impostazioni [Continua…]

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
apr 142014
 
Hertbleed for dummies – Cosa è, cosa si rischia, cosa fare

lo scorso 7 aprile è stata scoperta l’esistenza di Heartbleed, probabilmente la più seria minaccia ai nostri dati mai comparsa su Internet. Ecco come funziona (semplificando al massimo), quali siti colpisce e in che modo possiamo proteggere i nostri dati online e i nostri social network.   Che cosa è Heartbleed Heartbleed (cuore che sanguina in inglese) è un vulnerabilità informatica. In pratica, una falla in una componente chiave dei sistemi che garantiscono la sicurezza delle comunicazioni su Internet, e precisamente in uno dei meccanismi più diffusi per criptare i [Continua…]

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

[SdSM] Volli, fortissimamente strilli…

 Scritto da alle 06:27 del 04/02/2014  Nessuna risposta »
feb 042014
 
[SdSM] Volli, fortissimamente strilli...

Maporkalamignottatroika… Possibile che ogni due per tre qualcuno si convince che quello che bisogna fare e’ agitare la bacchetta magica ed urlare forte ‘vogliovogliovoglio’ come un bimbo di 3 anni (o anche meno) per fare le cose? Proabilmente e’ per quello che il mondo va come sta andando. Ok, fatemi ripigliare il filo… Tempo addietro $noipensiamoallavostrarobba aveva messo in piedi un sistemone da incubo, con enne applicationservers, doppio load-balancer, doppio database e cose varie, poi l’UL della situazione aveva visto la pubblicita’ di un qualche servizio di “analisi” delle visite [Continua…]

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Wikio
  • Reddit
  • Technorati
  • Segnalo
  • Live
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS